05 ago 2012

"Lavori-truffa" all'italiana:.. le "truffe legalizzate"...

I "lavori-truffa" all'italiana.. le "truffe legalizzate"...

Un'altra Denuncia che si va sommando alle due (riportate sotto) che già parlavano della stessa questione. - Denunce In Rete

- - -
Salve a tutti voi, che mi date l’opportunità di mettere in luce una serie di fatti ..

Ciò che mi rende stupefatto è il disinteresse e l’indifferenza dei quotidiani sulla questione, a prescindere dal loro colore politico e delle istituzioni... E' da diversi giorni che scrivo..


Oggi mi limito a raccontarvi una triste e alquanto inquietante storia, che ha visti protagonisti me e la mia ragazza, con l'Azienda Trt Group, del signor Vito Tartaglia..

Questa azienda (ma non è la sola), i cui manager affermano la facilità con cui oggi si possono guadagnare fino a 200€ al giorno, ha diverse filiali in giro per L’Italia; il signor Vito, se non erro, gestisce solo quella di Catania, in Piazza della Repubblica. Da sottolineare, che prima era in Corso Italia, e il nome muta spesso..

In poche parole: sono un ragazzo che da Roma si è trasferito qui a Catania, per convivere con la propria ragazza. Spinto dal sentimento forte di voler condividere una passione, brutta emozione per questa "nostra patria" così manageriale, euforica, telegenica e gretta, e spinto da alcune persone a capo di aziende di nome, capaci di allietarmi, sostenermi dopo aver letto il mio CV assecondando la mia scelta, mi sono ritrovato con una mano davanti ed una dietro a dover cominciare da capo...

Eccomi qua dopo due mesi in cerca disperata di lavoro, mettendomi a confronto con gente educata ed altra maleducatissima, superficiale, che ti umilia come se chiedessi soldi in regalo...


Torniamo alla nostra cara Trt: l'annuncio, presentato sul giornale "Il Mercatino", prometteva lavori d’ufficio, amministrativi, di gestione personale e magazzino. Insomma, una vasta scelta per poter scegliere settore o mansione.

Un po' strano.. Lo dico per esperienza, nel rispondere agli annunci, vedere tanto lavoro in poche righe...


Al nostro arrivo, un ragazzo, che fungeva sulla carta da segretario, non ci ha chiesto nulla: nè nome, nè cognome, e nè CV (...); dicendoci invece, immediatamente, che avremmo guadagnato 1000€ al mese, lavorando molto naturalmente e con la giusta volontà, e che quello letto sull'annuncio era tutto vero..

Come potete immaginare, quando non hai soldi per pagarti 1 litro di latte, ti fidi delle persone; credi che nei loro sorrisi da Grande Fratello, ci sia un minimo di bontà..


Il ragazzo taglia corto: "Ci vediamo domani mattina e mi raccomando puntuali alle 8'30.."

Così è stato; al risveglio andiamo in sede e, questa volta, una ragazza ci conferma le parole del suo collega, aggiungendo che, per il nostro futuro di coppia tutto questo sarebbe stata una grande opportunità, che ci saremmo occupati di quello scritto sull'annuncio ed io avrei potuto tranquillamente lavorare come magazziniere.


Ci dividono: io con i maschietti e il mio personal training e la mia ragazza con le ragazze...

Appena presentato il tizio dal nome nobile (si chiama come una divinità ed uno dei teatri più
belli della mia città), mi squadra subito, dice che vesto male e di togliere l'orecchino. Tutto questo in tre piani d'ascensore.

Appena saliti in macchina, mi chiede se il giorno precedente ho visto le Iene e se tante volte mi capitasse di guardare quella puntata di non pensare che loro sono come gli altri pizzicati
dalle denunce fatte e dal servizio televisivo..

In macchina mi comincia a sottolineare che cercheremo di sponsorizzare una rete di energia e gas che arriva dal produttore al consumatore..

Nessuna vendita né contratti. Solo risparmio da parte delle famiglie. I fogli che si portano dietro sono delle formalità.

Cosa maggiormente inquietante, il loro cartellino come pass: il ragazzo racconta che in ogni città, paese, zona o quartiere nel quale metteremo piede, abbiamo l'autorizzazione da parte dei carabinieri della zona per poter entrare nei cortili, citofonare, far scendere le persone...

Insomma, una vendita porta a porta che non viene minimamente affermata..

Difatti così va.. Si comincia con toni non troppo gentili: "Scenda, portando con sé l'ultima bolletta
pagata; dobbiamo fare un controllo..." .

Potevano scendere solo gli intestatari; e se naturalmente c'era un ragazzo minorenne, non poteva firmare.. Il personal training imita Tognazzi con la Supercazzola in "Amici Miei": ricordate quando inganna il vigile che vuole fargli la multa ?? La differenza, a parte il fatto che parliamo di Tognazzi, è che il beato non sa neppure dell’esistenza di questo film..

Come si dice dalle mie parti: "'na botta di culo !!"


Continua a ripetermi, quando saliamo per parlare con le persone che aprono la porta, di avere il sorriso stampato in viso, di non dire nulla, rimanere sulla sua destra a mezzo metro di distanza..

Le persone, nel frattempo, sono per la maggiore sdegnate; altre, giustamente, non capiscono; ed infine, ce ne sono alcune che si fanno ingannare...

Loro parlano di sconti e riduzioni, aggiungendo che, se non firmano, pagheranno salatamente le prossime bollette.. Le persone ingannate si ritrovano a firmare un nuovo contratto con la società francese o italo-francese.. (non so specificare bene..) le palazzine con più condomini, naturalmente le più gettonate...

Dopo circa 1 ora, una signora si arrabbia: minaccia di chiamare i carabinieri che, difatti, pochi minuti dopo ci fermano per strada.. Non so cosa dire naturalmente. Penso solo alla verità: se chiedono qualcosa di specifico, non dico nulla perché non so nulla...

Il maresciallo è nervoso; da quanto intuisco, giàconosce.. .

Chi salva in corner la faccenda, è un giovane militare: con una battuta smorza la tensione, dicendo che in passato ha lavorato per delle assicurazioni facendo il porta a porta e sa
quant'è difficile guadagnare..

Ma il mio personal training sostiene che guadagna dalle 150 alle 200 € al giorno. Lo continua a ripetere..


Durante il trascorrere del tempo, le cose cambiano: passano le ore e si crea una situazione di nervosismo allucinante.

La poca cortesia si trasforma in una vera e propria maleducazione. "Apra la porta per il controllo delle bollette... Se non firma devo dire che lei si è rifiutata e poi pagherà salate le prossime bollette... non posso più passare se non tra 6 mesi...".

In altri casi, quando mancava l'intestatario e la persona a casa rimaneva dubbiosa, addirittura si faceva passare il cellulare per parlargli personalmente e avallare la terza persona a firmare..


Sono le 7, e il povero training ha fatto 3 contratti: il suo record negativo (guarda un po'... ho portato sfiga ??), ma non s'arrende.. Mi dice che possono capitare giornate così e in macchina chiede se farò il test. Gli rispondo di si e lui consiglia addirittura come rispondere, perché avrebbe parlato bene di me...

Penso che abbiate tutti capito che fin dal primo minuto non mi ha riempito di complimenti, e poi se non ho detto "A", potrei sapere come cavolo si sia fatto un'ottima idea del sottoscritto, al punto tale di parlare bene nei miei confronti ??

In più, durante la giornata si sommavano i suoi dubbi: "In questa giornata capiremo se sei adatto.. se io ti riterrò adatto passerai l’esame ma dovrai vestire meglio, curarti di più, avere
sempre e comunque il sorriso perché tu rappresenti l'azienda... ecc.."

Per non dire dei vantaggi con i guadagni: "Macchine nuove, vestiti, vacanze, mutui, ristoranti,
discoteche ecc...".

Il viaggio di ritorno procede alla media di 150 km, ed è pericoloso. Tutti devono essere negli uffici al max per le 19, a prescindere da dove ti trovi in quel momento..

Difatti, dopo l’ulteriore lavaggio del cervello, arriviamo in orario.. Nella piazza ci sono tutti. Si riuniscono e parlano di contratti.. E' un rito perché ho avuto modo di constatarlo nei giorni successivi..

Salgo, e il ragazzo del giorno prima mi fa accomodare e riempire un modulo con domande molto formali. Poco dopo, mi chiama il CAPO (non so dirvi se fosse Tartaglia, sono sincero) .

Non leggendo il test, senza chiedermi nome, cognome, età, studi, esperienze lavorative passate, mi dice che sono la persona ok...

e l’azienda ha deciso di assumermi, sottolineando quanto avrei guadagnato molto in poco tempo, e chiedendomi, come l'altro ragazzo, quanto avrei voluto guadagnare io... Tutto questo, dopo un periodo di formazione a 360° di circa un mese..

Mi chiede se sono d’accordo ed io sottolineo di voler decidere entro 48 ore..

Tutto questo è capitato a ridosso della festa del 1 novembre con il ponte, ma lui non voleva aspettare troppo, rimarcando il fatto che avere una mentalità vincente significa non aspettare
troppo. I soldi, insomma sono i soldi..

Rimarco di nuovo la mia decisione, e lui, in modo freddo, si allontana; chiarendo che, a questo punto, mi sarei messo d’accordo con il personal training..

Nel frattempo, nella sala vicino alla direzione, suona della musica da discoteca a tutto volume, con ogni ragazzo che doveva suonare la campana se aveva fatto 5 contratti..

Durante la giornata nessuno del mio gruppo li ha fatti.. Con me: un ragazzo che lavorava lì da una settimana, continuamente sgridato; e due ragazze staccatesi per andare in un'altra zona, anch'esse senza aver raggiunto il numero perfetto..

Nel colloquio finale, un altro dettaglio mi rimarrà impresso: “Io prendo ragazzi dalla strada e li faccio diventare dei veri e propri manager.. Dopo un paio di mesi chi rimane qui, guadagna più di 1000€..” . Insomma, le parole del signore sono chiare...

Se tutti noi facciamo vendite porta a porta abbiamo un lavoro; guadagnamo soldi a palate, e il precariato e non solo, terminano qui... Nessuna crisi... Basta lavorare in un call center, o diventare piccoli manager...

Naturalmente chi, come la mia ragazza, rifiuta il test finale, viene guardata con disprezzo, come se avesse gettato fango e rinunciato ad una grandissima opportunità della sua vita...


Voglio, con questo mio lungo articolo, INFORMARE LE PERSONE DI... NON APPROSSIMARSI A QUESTI LAVORI, E NON RISPONDERE AD ANNUNCI DOVE SI SCRIVE CHE CERCANO SOPRA 6 AMBOSESSI..

E'INNATURALE CHE UN'AZIENDA CAMBI
IN TOTO IL PROPRIO PERONALE.. SOLO IN OCCASIONI DI
FALLIMENTO AVVIENE QUESTO..

Alessandro - Catania.

- - - - -

Grazie Alessandro, per la tua testimonianza.

Denunce In Rete -

- -
Link utili:
http://www.ilmondointerinale.blogspot.it/
http://umbertomakro.blogspot.it/2009/07/cerchi-lavoro-allora-attento-queste.html
https://www.youtube.com/watch?v=8k8yYy2OKrI
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/372311/toffa-il-furbetto-del-porta-a-porta.html
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/255533/toffa-porta-a-porta.html
-
- - -
Post Relazionati:
la Truffa dell'agenzia di lavoro FACE to FACE srl
L'Italietta delle "Truffe legalizzate"..
http://denunceinrete.blogspot.it/2012/06/truffa-agenzia-lavoro-face-to-face-srl.html
Truffe Enel-Energia
http://denunceinrete.blogspot.it/2010/07/truffe-enel-energia.html
---
- - - -
- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.comSCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)


72 commenti:

Gabriele Piccolini ha detto...

Ciao Alessandro mi associo anche io a questo tuo commento. Condivido a pieno il tuo pensiero. Anche a me è capitata la stessa situazione al colloquio e stavo per fare i tuoi stessi passi.
A dire il vero dopo avere letto un'imprecisa inserzione nella quale si parlava di un'azienda interessata nel settore della logistica (già li mi puzzava qualcosa per esperienze precedenti)e fissato successivamente un colloquio per ieri in Piazza della Repubblica 32 dove mi è stata presentata l'opportunità di poter guadagnare 900-1000 euro da una persona di cognome Bonaccorsi che è un giovane il quale mi parlava di un'azienda impegnata nel settore di telecomunicazioni, vantando la vendita di prodotti di diverse case quali la Vodafone, H3G,ecc... tutto ciò detto in tre minuti di colloquio dove ovviamente ha parlato lui, in maniera velocissima(si vedeva che mi stava ripetendo una lezioncina) dicendomi che per mancanza di tempo non avrebbe potuto dirmi tutto e invitandomi all'indomani a presentarmi alle 8:30(cioè oggi) dove avremmo passato una giornata di affiancamento e di selezione. Puntuale alle 8:30 mi presento a questo appuntamento di selezione e insime ai vari candidati anch'essi credo ignari di cosa si tratti, attendiamo la chiamata in una stanza con musica a tutto volume.
Si presenta la segretaria che ci da una liberatoria dove noi dichiariamo di volere passare una intera giornata per la selezione dove noi verremo affiancati a delle persone che a loro volta dovrebbero selezionarci. (Primo errore che uno commette è quello di firmare la liberatoria, ti spiego poi il perchè). Firmato la liberatoria vedo nella carta intestata il nome TRT group e da li inizio a navigare sul cellulare, vedendo solo cose negative, tra cui il tuo commento e quello di altri.
Attendo che via via tutti i candidati vengono chiamati, ovviamente l'uno non sa nulla dell'altro. Arrivato il mio turno, mi viene presentato un ragazzo che aveva circa la mia stessa età il quale avrebbe espresso un giudizio sulla mia persona. Nel tragitto a piedi per prendere la sua auto e cominciare la giornata lavorativa di affiancamento, questi mi chiede quale sia stato il mio ultimo lavoro e già li inizia a fare la solita paternale tipica sulla crisi ecc...e che mi invita ad entrare in macchina. Gli chiedo allora di cosa si trattava in soldoni il lavoro visto che ancora nessuno mi spiega. Lui mi dice che si tratta di marketing, ecc... parole inculcategli a memoria. Gli ripeto la domanda,dicendogli inoltre se si trattava di un porta a porta ma lui cercava di ripetermi la stessa cosa. Si decise a dirmi la verità e a quel puntogli dissi che ho avuto brutte esperienze e che per quel tipo di lavoro non ero portato.Lo salutai e insieme a lui la squadra che era in macchina.
Tornai nella sede del colloquio e gli chiesi di restituirmi la liberatoria, perchè in quel momento risultava un falso, in quanto non ero più interessato al lavoro. La segretaria insieme al Bonaccorsi mi disse che non potevano restituirla. Mi diedero una fotocopia di quest'ultima, ma l'originale volevano tenersela. Dopo varie peripezie e con toni accesi, mi scrissero nell'originale che io non mi affiancavo più al soggetto e mi diedero una copia senza la mia controfirma a quel punto chiamammo i Carabinieri per poter risolvere la situazione. Essi, spiegata la situazione, chiesero alla segreteria o di strappare la copia o di farmela controfirmare. Ovviamente la segretaria con la coda in mezzo alle gambe, disse che non poteva restirtuirla, ma che la potevo controfirmare. Dopo avere ricevuto la copia originale, la firmai,ne ricevetti una fotocopia e ringraziai i Carabinieri per essere prontamente intervenuti.
Questa testimonianza possa servire a tutti quelli che non vogliono essere presi in giro da gente come questi che sfruttano le aspettative di molte persone, diplomate e anche laureate che cercano un lavoro serio, onesto, che possa garantirgli una vita dignitosa e senza persone che possano decidere al posto tuo.

Anonimo ha detto...

Mi è successa la stessa identica cosa oggi.. Stessa tiritera, colloqui flash, il Bonaccorsi che parlava a macchinetta senza specificare di cosa cazzo si occupasse l'azienda in questione senza nemmeno dirmi il nome dell'azienda perché era consapevole che non appena me l'avesse detto su Google sarebbe subito spuntata la realtà... Diffidate da questi ciarlatani che vi promettono il paradiso! Ah dimenticavo l'appuntamento è stato sempre in piazza della Repubblica 32. APRITE GLI OCCHI RAGAZZI.

Anonimo ha detto...

Oggi stessa beffa, a Viterbo, mi volevano convincere a fare un lavoro senza dirmi di che lavoro si trattasse ATTENZIONEEEEE!!!! CENTER GROUP DI VITERBO

Anonimo ha detto...

operatore distrubuzione elettrica ricerca 4 ambosessi per lettura dati e carichi e scarichi amministrativi, mansioni interne ed esterne, disponibilità immediata, possibilità di alloggio dal lun al ven STATE ATTENTIIIIIIIIIIIIIIII...SONO BUFALE ENORMIIIIIIIIIIII

Anonimo ha detto...

Salve.
Oggi sono tornata dalla giornata di prova della TRT GROUP (il nome l ho scoperto oggi quando mi hanno fatto firmare la liberatoria), in piazza della Repubblica 32 a Catania. Ieri ho fatto il colloquio e il ragazzo, Bonaccorsi, o Bonaccorso, mi ha illustrato molto vagamente di cosa si trattava, senza farmi troppe domande sulla mia carriera (a stento ha guardato il mio CV). Io ho chiesto se si trattava di lavoro di rappresentanza o vendita e mi era stato risposto di no. Poi ho chiesto inoltre se avremmo lavorato in sede, senza andare da un posto all altro e mi era stato risposto di si.
Oggi, dopo aver atteso nella saletta con altri tre ragazzi, arriva il mio turno e vado. Vengo "affidata" ad una ragazza che mi avrebbe illustrato come si svolge il lavoro. Usciamo dalla sede e, arrivati sotto, mi fa accomodare nella sua macchina dove l attendono altre due ragazze. Io chiedo come mai stiamo entrando in macchina e dove stiamo andando. Lei molto vagamente mi risponde che stiamo andando nella zona assegnata così può spiegarmi meglio. Dopodiché inizia a parlare e straparlare di marketing, telecomunicazioni...le stesse cose identiche che mi ha detto il sig. Bonaccorso. A volte mi fa delle domande tipo "sai cos'é un GDO? " E io rispondo di no. "Ma come sei laureata....dovresti saperlo!". Poi mi parla di TLC, " sai cos'è no? Sei laureata!" . Ad un certo punto la interrompo e le chiedo nuovamente in cosa consiste il lavoro ( anche se avevo già capito). Lei risponde insistendo che stiamo andando nella zona assegnata così mi renderó conto di presenza. Allora le chiedo qual è questa zona assegnata. Lei risponde " un paese dell Etna". E io " si, ma quale?".
Lei " un paese dell Etna. Ma perché per te é così importante saperlo? Ti cambia la giornata?" . A questa bella e cortese domanda, rispondo che é ovvio che voglio sapere dove sto andando e le dico che voglio scendere.
E lei "Ah. Quindi non vuoi più lavorare? Allora scendi, perché io non ho tempo da perdere".
Io mi chiedo, ma è modo? Non posso nemmeno sapere dove mi stanno portando?

Irene Nardini ha detto...

Buongiorno,
vorrei segnalare l'ennesimo caso di annunci di lavoro-truffa, di cui sono stata vittima in questi giorni.

Essendo alla ricerca di un lavoro, su un noto portale di annunci on-line ho preso visione di un annuncio per la ricerca di un impiegato al Front Desk, in un'azienda che avrebbe aperto dei nuovi "sportelli" nella mia città (Prato). Invio quindi una e-mail per chiedere maggiori chiarimenti, ed allego il mio CV. Già nel pomeriggio vengo ricontattata da una segretaria, Sig.ra Elena, che mi invita a svolgere un colloquio l'indomani presso la loro sede di Lucca. Essendo distante dalla mia città, chiedo se comunque l'inserimento è previsto a Prato, e lei mi conferma che è così, ma che i colloqui si svolgono a Lucca per tutta Italia. Decido di presentarmi al colloquio, che si svolge presso l'Azienda MA.LO Srl a Guamo (Lucca), con il titolare, tale Sig. Vincenzo.

Il colloquio è molto breve, dopo aver fatto una panoramica sommaria su quello che svolge la sua azienda (ovvero attività di start-up, per altri enti e assistenza clienti) mi chiede di parlargli di me e al termine della mia esposizione mi dice che cerca una persona in linea con il mio profilo, ma che la sede di Prato non aprirà prima di 2-3 mesi. Aggiunge però che c'è la possibilità di effettuare una "giornata di osservazione" con una persona che mi spiegherebbe il lavoro da svolgere e che al termine della giornata (dalle 8:45 alle 19:00) avrebbe deciso se fossi stata o meno all'altezza della mansione. Convinta che la proposta fosse inerente all'annuncio che avevo letto, accetto di presentarmi l'indomani di nuovo a Lucca, dove al mio arrivo mi viene fatto firmare un modulo in cui accettavo che la durata della giornata lavorativa era dalle ore 9:00 alle 19:00, che non era retribuita e sotto la mia responsabilità (?).

Irene Nardini ha detto...

Entro in un ufficio dove mi presentano un ragazzo, Filippo, che è incaricato di darmi tutte le spiegazioni del caso, e con mio stupore vedo che anziché restare in ufficio, ci dirigiamo verso l'esterno. Mi fa salire sulla sua auto, dicendo che la società ha diversi uffici (???) ma non mi dice dove siamo diretti. Aspettiamo solo l'arrivo di un suo "collega", e poi partiamo.

La cosa inizia a preoccuparmi, intuisco che non si tratta assolutamente di un lavoro di ufficio, bensì di un lavoro da svolgere fuori, "a zone", ma ormai siamo in viaggio e decido di vedere di cosa si tratta fino in fondo. Dopo circa mezz'ora arriviamo a Calcinaia, distante circa 25 Km da Lucca. I due colleghi parlano di dividersi le zone da fare, e lì, ho la conferma del mio sospetto: nessun ufficio, nessun front-desk, ma solo attività di PORTA A PORTA!!!!

Inizialmente non dico niente, entriamo in un bar dove Filippo molto gentilmente mi chiede se voglio fare colazione, e che avrebbe pagato tutto lui, in quanto quel giorno ero a suo carico. Io declino l'offerta, e inizio ad innervosirmi perché mi sento presa in giro.

Usciti dal bar, iniziamo a suonare i campanelli delle varie case, e naturalmente le (poche) persone che ci aprono o rispondono al citofono ci trattano male e dicono sgarbatamente di non essere interessate (per loro fortuna!). Tra una casa e l'altra, Filippo cerca di spiegarmi quali sono i trucchetti per convincere le persone ad uscire, e una volta uscite di casa come poterle "raggirare" per fargli firmare un ipotetico contratto con agevolazioni tariffarie con la compagnia Eni. In alternativa, propone il contratto con un fornitore francese, GDF Suez.

Il primo giro non porta assolutamente ad alcun risultato, io sono già stufa di camminare con i tacchi (se avessi saputo che dovevo camminare così tanto avrei messo scarpe più comode), e di avere freddo, in quanto la temperatura è bassa e tira vento. Accenno a Filippo che la cosa non mi interessa, e che avevo risposto ad un annuncio per tutt'altro. Per confortarmi, lui prova a dirmi che era stato adescato con lo stesso metodo, ma che poi durante la sua giornata di "osservazione" si era innamorato di questa attività (!) e che gli fruttava molti soldi (!).

Irene Nardini ha detto...

Aggiunge anche che questa era solo la gavetta prima di diventare "manager" di un ufficio, dove il guadagno mensile sarebbe stato di decine di migliaia d'euro (!).

Io non mi convinco, e insisto per tornare indietro. Lui chiama il collega, che non aveva concluso alcun contratto, e ci ritroviamo all'auto.

Parlano del fatto che io voglio interrompere la giornata di osservazione, e mi dicono che non possono comunque riportarmi alla sede perché loro devono proseguire la caccia al contratto in un'altra zona. Suggerisco la fermata di un autobus, ma appena saliamo in auto la loro attenzione è solo rivolta verso un'altra ipotetica destinazione, quasi scordandosi che io sono con loro e mi sento totalmente a disagio.

Durante il viaggio, più volte chiedo di fermarci a un tabacchi per chiedere informazioni sugli autobus, ma loro insistono per proseguire in un'altra direzione, e io devo attendere paziente che loro si decidano.

Arriviamo ancora più lontano, a San Romano (Montopoli, Pisa), a ben 40 Km da Lucca, dove leggiamo le indicazioni per una stazione. Finalmente entriamo in un tabacchi, dove ci informano che la stazione di San Romano è a solo 1 Km dalla nostra posizione, e che è facile da raggiungere anche a piedi. I ragazzi mi chiedono di nuovo se sono convinta di voler tornare indietro, e io gli dico che mi sento presa in giro e che per principio non è giusto il comportamento dell'azienda.

Gli chiedo se mi possono dare un passaggio fino alla stazione, data la vicinanza, ma loro sono frettolosi di andare a suonare i campanelli e affermano di aver già perso troppo tempo! Mi ricattano dicendomi che sono disposti a riportarmi in ufficio solo a condizione che rimanga con loro fino alle 19:00, cosa di cui non ho alcunissima intenzione.

Mi armo di pazienza e inizio la mia camminata verso la stazione periferica di San Romano, prendo il treno e mi fermo ad Empoli, cambio per Pisa, e una volta qui prendo la coincidenza per Lucca.

Irene Nardini ha detto...

2 Ore di treni, 7 € di biglietto a mio carico.
Dalla stazione di Lucca a Guamo sono costretta a spendere ulteriori 11 € di Taxi, dato che la zona industriale non è servita da autobus diretti.

Finalmente arrivo alla sede della MA.LO, ma non mi arrendo, rivoglio i soldi che ho speso per colpa loro, e mi ripresento dalla segretaria Elena. Intanto, il Sig. Vincenzo sta facendo un colloquio dietro l'altro, tutti brevissimi come il mio, ed Elena mi dice di attendere. Nel frattempo lei fa una raffica di chiamate a tutti i poveri malcapitati che come me hanno inviato il CV sperando in chissà cosa, e fissa anche 3 colloqui allo stesso orario (!).

La telefonata è sempre la stessa, ingannevole usata con me: "Salve, sono Elena della Ma.Lo, abbiamo ricevuto la sua candidatura per la posizione di Front Desk, può presentarsi al colloquio domani alle ore..."...

Nessuna allusione alla vendita "porta a porta", né per telefono, né durante i colloqui.

Avrei voglia di toglierle il telefono di mano e avvisare le persone dell'inganno a cui vanno incontro.

L'attesa si fa lunga, e scendo prendendo tempo. Sentendomi truffata ed avendo firmato un modulo dal dubbio scopo, decido di chiamare i Carabinieri e farmi dare indicazioni sul da farsi.

Dall'altro capo del telefono, mi dicono che l'unica cosa da fare è sporgere querela, mi chiedono dei dettagli su tipo di annuncio letto, e mi dicono che non è la prima segnalazione che gli arriva!!!

Ancora più indignata, e decisa ad agire per far valere i miei diritti, salgo di nuovo dalla Sig.ra Elena (che naturalmente mi informa che il titolare non può ricevermi), e le chiedo di darmi una fotocopia del modulo da me firmato.

Niente da fare, non può! Al limite me lo può spedire via e-mail il giorno dopo, cosa che ovviamente non avverrà.

Lei cerca di tranquillizzarmi dicendomi che anche lei ha fatto lo stesso percorso, prima un anno di porta a porta, poi è diventata segretaria del nuovo ufficio. Io non voglio sentire ragioni, e ribadisco il fatto che non è giusto che adeschino le persone e poi le lascino in mezzo alla strada.

Scioccata da tutto l'accaduto, finalmente risalgo sulla mia auto e riparto verso Prato, certa che un'esperienza del genere deve essere assolutamente resa pubblica affinché le persone non incappino negli stessi errori fatti da me, solo perché mi sono fidata delle parole di gente che in realtà voleva solo raggirarmi.

L'Esperienza insegna!!!

In fede,

Irene
nene84@hotmail.it

Silvia ha detto...

Vi racconto l'ultima impresa paradossale di Silvia, 32enne disoccupata perché “choosy”. In Italia siamo famosi per reinventare l'inglese, quindi con questo termine – solo contestualmente a questo paese – si definisce una persona che si permette il lusso di lasciare il vecchio lavoro perché in preda ad un esaurimento, considerati:
lo sfruttamento “concordato” e non rivendicabile da un contratto a progetto;
la costante insoddisfazione del datore verso gli ottimi risultati prodotti;
la versatilità richiesta per ricoprire più di un ruolo in ufficio;
la costrizione per il dipendente ad ignorare fino all'ultimo il possibile rinnovo di un contratto.
Silvia, laureata con lode in filosofia, esce dopo 3 anni dal settore della promozione teatrale per dedicarsi a quello della promozione del turismo responsabile, sua inclinazione negli ultimi anni. Risponde ad un annuncio di lavoro (tramite un sito internet affidabile) che sembra rispecchiare esattamente le sue aspettative. Si sveglia alle 6 del mattino per raggiungere la sede dove farà il colloquio - dall'altra parte della città rispetto a dove abita - e lo supera brillantemente. Dopo due settimane svolge quella che viene ormai definita una “prova”: 3 mezze giornate di puro lavoro non retribuito. Con il fine di promuovere un festival previsto a Febbraio, a Silvia viene richiesto di:
- cercare il maggior numero possibile di contatti mirati (risultato: ben 586 contatti, sistemati in un file Word salvato nel pc di quest'associazione);
- formulare un'email di richiesta partnership a questi enti (con la scusa della valutazione di una scrittura efficace e formale) per ufficializzare uno scambio commerciale;
- inviare concretamente questa email a tutti i contatti trovati il primo giorno per avviare le trattative;
- fare un "recall" (con lo stesso fine dello scambio commerciale) ad una lista di centri trovati e già una volta contattai dalla precedente candidata.

Silvia ha detto...

Alla fine del breve periodo, Silvia presenta un resoconto alla responsabile con i dati alla mano. Quest'ultima si dichiara felice all'idea di saperla lavorare per la sua associazione, invitandola a cominciare dopo pochi giorni. Le motivazioni della selezione sono: mole di materiale accumulato in pochi giorni con efficacia e rapidità, entusiasmo nel perseguire lo scopo dell'associazione e capacità di svolgere vari compiti in completa autonomia. L'unica incognita rimane esclusivamente il compenso economico, da discutere con il presidente. A Silvia viene proposto di richiamare la settimana successiva per conoscere telefonicamente i termini e le condizioni del contratto, quando il rapporto lavorativo sembra verbalmente sancito con una stretta di mano e un “Arrivederci, a presto”. Poi ecco che si aprono inaspettatamente le danze delle scuse inventate della segretaria per negare la presenza della responsabile in ufficio. Dopo 4 tentativi di contatto diretto e con il dubbio ormai che si fosse trattato soltanto di un sogno, Silvia riesce finalmente ad estorcere una breve email contenente scuse e una presunta garanzia che il giorno dopo la responsabile l'avrebbe richiamata. Ovviamente si tratta di un barlume di umanità durato il tempo di poche parole digitate sul pc e servito a tamponare eventuali ulteriori scocciature e insistenze, perché quella telefonata non si è mai avverata.
A 3 settimane da questa confusione (e nel frattempo incerta se accettare altre proposte lavorative), l'unica risposta chiara che rimbomba nella testa di Silvia è un silenzio inspiegabile. L'ipocrisia e la codardia sembrano essersi trasformate oggi in “qualità” necessarie per salvaguardare la cruda realtà di ambienti di lavoro sempre più simili a fabbriche di sfruttamento e illusioni. Questa associazione sta attualmente facendo a meno di un'ulteriore risorsa (inizialmente spacciata come “necessaria” e ancora fintamente ricercata in un annuncio su internet che ho provveduto a far rimuovere!) sfruttando le poche interne che ha già e lavorando grazie al materiale accumulato da Silvia e dagli altri candidati che, come lei, sono stati in buona fede ingannati e probabilmente tutti ugualmente illusi su una collaborazione futura. La nuova frontiera degli abusi sui lavoratori sembra essere proprio questa: reale reclutamento di personale qualificato dietro la falsa speranza di un'assunzione. Una premeditazione tale è diabolica e degna di essere resa pubblica per far sì che altri “aspiranti occupati” se ne possano tutelare. L'aggravante è che l'ente in questione persegue uno scopo nobile e benefico, per cui si dà per scontato di trovare un ambiente spontaneamente incline alla serietà, al rispetto e alla considerazione dei rapporti umani.
Viene il sospetto che esista una scuola clandestina e segreta per la formazione dei datori di lavoro, visto che ultimamente si seguono ovunque schemi di comportamento ben precisi e stranamente comuni.
Se essere “choosy” in Italia significa non potersi permettere, nonostante qualifiche ed esperienze, di coltivare le proprie ambizioni: viene spontaneo voler togliere il disturbo da questo paese, in cui si ha la presunzione di interpretare liberamente anche le lingue (oltre alle leggi).
Ah.. Silvia è testarda e, non scoraggiata, continuerà ad inseguire i suoi obiettivi. E' attualmente in attesa di una risposta dopo la presentazione di ben 4 progetti europei sul turismo responsabile. Il colmo è aver incentrato il suo futuro lavoro sull'interesse attivo al miglioramento di altri paesi nel mondo, ignorando volutamente di migliorare dall'interno quello in cui è nata e cresciuta, visti gli amari risultati dei suoi vani tentativi.
fndsilvia@alice.it

ENRICO LUCCHESE ha detto...

Mi chiamo ENRICO LUCCHESE, faccio l'autista anzi facevo l'autista a MODICA (RG) da circa 9
anni.
Mi sono diplomato quest 'anno in corso,
Ho fatto la presso questa ditta ABATE (MATERIALE EDILE ) la più seria della mia città, molti
sacrifici, tanti sacrifici. Uscivo la mattina da casa alle 6.30 e tornavo la sera.alle 7.00
Sabato compresi. Non ricordo in questi anni un cinema, forse una pizza ogni tanto con i pochi
amici che, visto il poco tempo libero, riuscivo a mantenere.anche poco contatto con i miei due
figli,e mia moglie.
Nel settembre 2012 mi scrive una raccomandata con ricevuta di ritorno in cui mi scrive che sono
licenziato per diminuzione personale.
Ora mi chiedo io!!prima di essere licenziato io che ho lavorato per 12 ore al giorno spesso il sabato
fino a tardi 9 anni di duro lavoro,ferie solamente 10 giorni l'anno il collega che lavorava con me e'
arrivato dopo di me,lui e' rimasto in questa azienda ancora oggi!!!Ma questa legge che mi possono
licenziare per diminuizione personale non rispetta l'anzianita' di servizio
RingraziandoVi per l'attenzione dedicatami resto in attesa di un vostro cortese riscontro e.
Vi porgo i miei più distinti saluti

Luciano Venegoni ha detto...

Ho 60 anni con 40 di conributi disoccupato da ottobre 2011 fino a
ottobre 2012 poi il nulla.
Niente lavoro niente pensione ,con la
vecchia legge della pensione avrei dovuto andare nel Giugno 2013.
La mia dignità di uomo e come cittadino Italiano mi porta a perdere
fiducia nelle istituzioni,pensieri cattivi che non ho mai avuto
cominciano a entrare nella mia testa.
Italia senza giustizia parlano di
democrazia e si comportano da dittatori creando dissesto sociale .

Portare questo tipo di denuncia a un tribunale europeo farebbe capire
quale tipo di stato è .
Questa mia sarebbe da pubblicare su tutti i
quotidiani e portata aconoscienza delle forze politiche che continuano
senza fare nulla per rimediare .
La mia email l.venegoni@tiscali.it

Luciano Venegoni
Ab. Senago Via ticino 20 Milano

Angelapia Marino ha detto...

carissimi, invio il mio commento-denuncia in forma sintetica,
segnalando quanto segue:
Alla luce di tutto ciò che è denunciato nei post e nelle mail che mi
precedono, ritengo lampante che tutte hanno una matrice comune
A S S U N Z I O N E P E R M EZ Z O D E L P O L I T I C O M A S S O N E.
infatti, il famoso voto in cambio per ottenere il posto di lavoro
statale, ha fatto in modo che entrassero a farne parte, specialmente
nelle forze dell'ordine i rampolli delle famiglie di criminalità
organizzata ndrangheta per prima, camorra, sacra corona, mafia
ecc.., dal1999 denuncio che al tribunale di Paola (Cs) la famiglia
Chianello ha il monopolio nella gestione di tutte le cause civili,
penali, e nel campo degli espropri giudiziari che di legale anno solo
il timbro dello stato Italiano. Ed ancora che lo stato Italiano,
stipendia le famiglie di ndrangheta martello- serpa avendo assunto
come agenti di polizia penitenziaria Mario e Roberto Martello, Fazio
massimo ed altri, tutti appartenenti ai clan omonimi del tirreno
cosentino negli ultimi mesi colpiti da numerosi arresti tralasciando
però i colletti bianchi e le divise sporche che continuano
indisturbati ad angariare, estorcere, derubare, in barba alle leggi.
Sapete qual'è il risultato delle mie denuncie depositate nei palazzi
di G I U S T I Z I A della nostra civilissima Italia con
tanto di nomi e cognomi ????, SILENZIO ASSOLUTO anzi democreticamente
le mie linee telefonoche sono intercettate dai carabinieri, alla mia
automobile la Guardia di finanza ha applicato un segnalatore gps
così possono intercettare e sabbotare ogni mio ulteriore tentativo di
denuncia, non tralasciando di screditare la mia persona con messe in
scena che lasciano intendere ad una ignara platea, che io sia
indagata e ricercata per chissà quale misfatto .
Poichè il fenomeno è sempre più manifesto, la cosa interessa tutti e
ciascuno proporrei di inlotrare una interrogazione al capo dello stato
e delle forze dell'ordine e garante in questo paese della legalità ed
al ministro della giustizia proponendo commissioni di indagine in
caserme e palazzi di giustizia
grazie infinite per tutto ciò che vorrete fare.
gradita pubblicazione.

Angelapia Marino.
angelapia.marino@gmail.com

Anonimo ha detto...

Gentili Signori,
Vi contatto per avere informazioni, o magari un semplice consiglio su come un cittadino dovrebbe comportarsi in determinate situazioni.
Mi spiego meglio: mia moglie ha lavorato per qualche mese come "procacciatrice di affari" presso un call center gestito dalla società BLUEARTH che propone l'installazione di pannelli fotovoltaici per nome e per conto della società ENEL GREEN POWER,
Fino al mese di ottobre scorso, il contratto per procacciatori di affari prevedeva un compenso di 750 euro lorde per l'impiego full-time, con un bonus dai 2 ai 4 euro per appuntamento concordato (esclusa una ritenuta d'acconto del 20% che grava oviamente sul lavoratore), così sembrava essere anche per il mese di novembre ma, come potete vedere in allegato, esattamente 5 giorni dopo aver firmato il contratto di novembre, la società Bluearth ne inviò un secondo con le modifiche che abbassano il compenso lordo a 350 euro LORDE per l'impiego FULL TIME (36 ore settimanali).
Il tutto giustificato dal fatto che, data la nuova apertura di un call center in ROMANIA e l'aumento delle possibilità di guadagno, bisognava "allinearsi con il pagamento del fisso per full time e part time tra le diverse sedi"
come comunicato via email dalla stessa società:

"Caro tele agente Bluearth

Con la presente vogliamo informarti dei nuovi sviluppi e miglioramenti che riguardano il nostro programma dei teleagenti.
Abbiamo aperto un nuovo call center in Romania che gestirà e dirigerà tutte le attività dei teleagenti Blu Earth.

Ci stiamo adoperando per potenziare i server della piattaforma dialer e stiamo iniziando ad usare nuove liste per nuove are d’Italia.
Abbiamo nuovi Formatori e un nuovo Supervisor che effettueranno formazioni mirate con tutti i nostri tele agenti, compresi quelli che lavorano da casa.
Di conseguenza ci sarà più monitoraggio, formazioni e supporto per tutti i teleagenti.

Tutti questi sviluppi daranno come risultato l’opportunità di prendere più appuntamenti per la nostra campagna Enel Green Power; quindi più opportunità di guadagnare dal numero maggiore di appuntamenti presi.

Per questo motivo,dobbiamo allinearci con il pagamento del fisso per full time e part time tra le diverse sedi.
Pertanto in allegato trovate il nuovo piano compensi ed il contratto di procacciatore che sarà effettivo dal 5 novembre.
Si prega di rileggere, firmare e spedirci via fax al numero 0236311560 o scansione all'indirizzo mail : ufficio@bluearth.it "

E' ovvio che un italiano non prenderebbe sul serio una proposta del genere: nessuno è disposto a lavorare per 6 ore al giorno per guadagnare 280 euro al mese. ed è ovvio che, invece, investire in un paese come la Romania dove lo stipendio medio mensile netto si aggira sui 350 euro ( fonte: http://www.balcanicaucaso.org/aree/Romania/Romania-cosa-c-e-in-busta-paga e http://it.wikipedia.org/wiki/Romania ) rappresenta una ghiotta soluzione di risparmio, a danno di noi italiani, che, guarda caso però, veniamo comunque considerati una buona risorsa su cui puntare come destinatari di migliaia di proposte commerciali.
Chiedo scusa per avervi annoiato, queste sono solo mie considerazioni personali.
Quello che sinceramente mi chiedeo è se, a fronte di quanto scritto e dimostrato con i documenti in allegato, una società si possa permettere di cambiare le carte in tavola a distanza di pochi giorni e costringere quindi i suoi dipendenti ad un licenziamento forzato.
Grazie
Distinti saluti

Flavia Dolce ha detto...

Salve, mi chiamo Flavia ,invio questa e-mail per segnalare questa agenzia dato che ho subito un'ingiustizia: Glee cast animazione.
Sono stata a lavorare con il gruppo animazione Glee all'hotel Araba fenice a Torre dell'orso Lecce una settimana del mese di giugno 2012.Per motivi di salute sono dovuta andar via.Un loro collaboratore , Roberto,mi chiese tutti i miei dati per inviarmi il pagamento della settimana che ho lavorato con la loro animazione. Come si può notare siamo ad OTTOBRE,a parte non aver ricevuto nulla,tutte le mie chiamate provate a fare da giugno fino ad oggi non hanno ricevuto risposta.Sono riuscita a contattare un'altra loro collaboratrice,una certa Laura ,che mi disse che mi dovevano inviare al più presto i soldi,ma erano impegnati dal troppo lavoro.Aspetto.Arrivati ad ottobre,precisamente ieri 15 ottobre 2012,mi è arrivato un messaggio dal vostro collaboratore Roberto(Tutte le volte che ho provato a chiamare il suo numero in questi mesi non ho mai ricevuto una risposta)dove scrive:
Sono Roberto della glee abbiamo finito i conti della stagione estiva e come da contratto(Non ho firmato nessun contratto) ogni animatore che lascia in anticipo la stagione ti abbiamo addebitato i cento euro delle divise,come ogni agenzia di animazione.(Con me non ho nessuna divisa della glee. l'ho ridata indientro e glie l ho anche lavata.) Il tuo netto da percepire sarebbe di novanta euro quindi restiamo in attesa dei dieci euro.In caso desiderassi possiamo farti avere dal consulente del lavoro la documentazione inerente...
oK. A parte il fatto che quando sono andata via avevo dei problemi di salute,e poi quando sono andata hanno chiesto i miei dati della carta per spedirmi il pagamento(Non vedo il motivo,visto che a ottobre mi hanno detto che dovrei dare io a loro dei soldi per la divisa). Quindi in questo messaggio dice che io in pratica ho lavorato gratis per la glee una settimana... E' un oscenità...
Una vergona,ho perso 90 euro e ho lavorato gratis per una settimana.Tutrto questo non è assolutamente giusto.

PS questo messaggio può essere assolutamente pubblicato senza rimanere anonimata.

Flavia Dolce
piccolaflaviu@hotmail.it

Giuliarini ha detto...

LA TRUFFA DEI BOTTONI

LAVORA PER ANDREA

Ho letto questa proposta di lavoro alla pagina:

http://www.bachecalavoro.com/cerco_lavoro/azienda_Andrea/ultime_offerte_di_lavoro/1.html

Compenso:

800

Contratto:

progetto

Disponibilità:

full time

Settore professionale:

operai/produzione

Comune:

Grosseto

Cercasi personale per lavoro di produzione in loco, il candidato/a dovrà svolgere in completa autonomia il lavoro datogli per poi restituire nei tempi prefissati dalla azienda il lavoro svolto.
Massima serietà e puntualità nei pagamenti.

MIA DOMANDA: Sarei molto lieta di ricevere maggiori informazioni sul lavoro proposto. Sperando di ricevere celere risposta, distinti saluti……………..

RISPOSTA:

IO OFFRO LAVORO A DOMICILIO DI CONFEZIONAMENTO BOTTONI.
IL LAVORO CONSISTE DI SMISTARE I BOTTONI OGNUNO PER COLORE E METTERLE NELLE PROPRIE BUSTINE,
E UN LAVORO FACILISSIMO CHE RICHIEDE UN PO DI TEMPO E PAZIENZA.

NEL PRIMO PACCO RICEVERETE 1 MANUALE D ISTRUZIONE, 5000 BOTTONI DI VARI COLORI, E UNA MACCHINETTA PER CHIUDERE LE BUSTINE.
PER OGNI BUSTINA COMPLETA DI BOTTONI PAGO 0.40 CENTESIMI,
CON 5000 PEZZI CHE SAREBBERO 500 BUSTINE IL GUADAGNO SAREBBE DI 200 EURO.

NATURALMENTE IN FUTURO POTETE RICHIEDERE UNA QUANTITA' MAGGIORI IN BASE ALLA CAPACITA DI LAVORO.

IL LAVORO VERRA" RETRIBUITO TRAMITE BONIFICO BANCARIO O RICARICA POSTPAY .
I PAGAMENTI AVVENGONO OGNI FINE LAVORO QUINDI PUO' CAPITARE PIU' VOLTE IN UN MESE.

PER RICEVERE IL PRIMO KIT DI LAVORO E INIZIARE SUBITO A LAVORARE E" NECESSARIO FARE UN VERSAMENTO CAUZIONALE DI 30 EURO RICHIESTO A FRONTE DELLE PRIME SPESSE TRA MATERIALI ATREZATURE E SPEDIZIONE,

A FINE RAPPORTO QUANDO NON VORRETE PIU' LAVORARE DOVRETE SOLO RESTITUIRE INDIETRO LA MACCHINETTA E VI VERRANNO RIMBORSATI LE 30 EURO.
LA MIA RICHIESTA E" PARTITA DALLE NUMEROSE SPEDIZIONI A INDIRIZZI RICHIESTI E SPEDITI GRATUITAMENTE A PERSONE CHE POI NON HANNO LAVORATO E IN OLTRE SI SONO TENUTI ATTREZZATURA DA LAVORO SENZA RISPEDIRLA.

SIN DAL PRIMO PACCO TUTTE LE SPESE DI INVIO E CONSEGNE SARANNO A CARICO DEL MAGAZINIO,
E LEI NON DOVRA' AFFRONTARE SPESE ULTERIORI.
UNA VOLTA TERMINATO IL LAVORO VA RISPEDITO INDIETRO CON APPOSITA CEDOLINA GIA PRESTAMPATA CHE TROVERETE ALL INTERNO DEL PACCO A NOSTRE SPESE.

SE SIETE INTERESSATI EFFETTUATE IL PAGAMENTO CON Ricarica postpay:
Postpay numero: …………….
A……. Andrea
Codice fiscale: …………………


MANDARE E-MAIL DI CONFERMA DOPO AVER FATTO IL PAGAMENTO CON I DATI DI SPEDIZIONE
PER INIZIARE SUBITO A LAVORARE.

Io non spedisco nulla senza cauzione e nemmeno in contrassegno ho avuto molti problemi in passato di persone a qui ho mandato i pacchi e poi non hanno rimandato nulla e delle volte nemmeno lo hanno ritirato , se vuole davvero lavorare faccia la ricarica le invio la merce e poi se vuole le do subito il codice per controllare.
per lei sono 30 euro per me sono 30 euro per le molte persone che poi fanno come le ho detto e mi fanno perdere tempo, materiali e denaro.

MI DEVO FIDARE?

Ecco solo alcune delle testimonianze che ho trovato su internet:

Anonimo01 ottobre 2012 15:24

da poco anche io sono entrato nel club dei truffati avendo spedito con versamento postepay ad un certo sig. andreaareno@ymail.com la somma di € 30,00 per del lavoro di smistamento bottoni. vorrei chiedere se posso denunciare questo, chimiamolo sig. alla polizia postale?

Altra testimonianza:

http://www.baronerosso.it/forum/discussioni-off-topic/263162-confezionamento-bottoni-da-casa-truffa.html

HO DECISO: NON MI FIDO!

Giuliarini
mas.leomar@alice.it

Anonimo ha detto...

Quante chiacchiere.. Vi lamentate che c'è crisi e che non si trova un posto di lavoro.. Eppure quando vi si propone un'offerta di lavoro avete il barbaro coraggio di sceglierlo.. Io circa un anno fa ho cominciato proprio come voi, cn una giornata di selezione, ma senza discriminare il tipo di lavoro e l'azienda TRT GROUP x le varie chiacchiere negative che correvano in giro ho accettato umilmente di intraprendere qst percorso.. Semplicemente perché avevo bisogno di lavorare (cosa che tutti abbiamo) e accompagnato a qst ci ho messo anche la voglia.. Perché le chiacchiere se le portano via il vento.. I fatti sono quelli che contano e come si suol dire la carta canta.. 1 l'azienda è seria come anche il titolare che la gestisce che puntualmente ogni mese paga gli stupendi senza ritardi e senza acconti cn stipendi arretrati come oggi va di moda, anzi se proprio lo dobbiamo dire ci paga pure in anticipo e qualora un dipendente ha una difficoltà economica, se il dipendente dimostra serietà, impegno e professionalità e ha bisogno di un anticipo, il nostro titolare non esita a mettersi a disposizione, tra l'altro non scala nemmeno un euro nella busta paga dello stipendio effettivo. Non si tratta di fare bene ai fratelli, ma stento a credere che si trovino aziende e titolari cosi.. 2 ci permette il decreto legislativo 79/99 (riconosciuto come decreto Bersani, libero mercato) di lavorare nel settore pubblicitario facendo il porta a porta come dite voi.. 3 non tutti i promoter svolgono la loro mansione di pubblicità informativa nel miglior dei modi, tant'è vero che si inventano cose solo x accaparrare i clienti.. Ma di fatto questa gente dura quanto da natale a santo Stefano anche perché la nostra azienda effettua dei controlli di qualità proprio x evitare che a causa della mela marcia si guasti il lavoro di chi si gestisce onestamente.. Il tempo provvede a tutto.. 4 io vi consiglio di rimboccarvi le maniche e al posto di buttare fango, scrivere commenti da ignoranti e nullafacenti perdendo tempo in rete, stampate un centinaio di curriculum e cercatevi un lavoro, e vi auguro di trovarlo con un buon profitto economico. Io il lavoro ce l'ho e credo nell'azienda.. Voi, se non vi ritenete all'altezza di poter svolgere determinati lavori, limitatevi a tacere onde evitare di fare brutte figure.. Io intanto faccio soldi..

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti,
sono di Milano e anche io ho avuto a che fare con queste truffe per ben 2 volte. La seconda è stata clamorosa, l'azienda è la 02lab in via Mapelli 1 , sesto san giovanni Torre Tonda 6°piano. Mari e monti promessi, fisso garantito, tutto retribuito e soldi a palate. La manager Elisa Peruzzi, una grassona con una parlantina fastidiosa, recita lo stesso copione di tutti. Noi non siamo procacciatori ect ect... Mi affiancano a un ragazzino sulla ventina Luca Peverieri e anche lui uno sparacazzate ad hoc, tanto che ala fa semplice su come si lavora e su quanto sia facile guadagnare. Tutti sono amici di tutti, non ci pestiamo i piedi ect.. Arriamo al contratto e scopro che il fisso non esiste, se non fai almeno 15 contratti quindi ti danno 500 euro. e il primo mese ti pagano fra due mesi e non subito , per la garanzia per i contratti se non vanno in porto.. TRUFFA ILLEGALE!! FATE ATTENZIONE ALLA 02 LAB DI SESTO S.GIOVANNI MILANO E A LUCA PERVERIERI, ELISA PERUZZI, GIULIA GALATI E VALERIO.son loro che comandano, vengono da Roma e che tornassero la allora.

Anonimo ha detto...

Salve. Questa è la mia esperienza all'interno di un call center. Sono andata all'Ispettorato del lavoro ma non ho avuto il corraggio di denunciare perchè avrei dovuto espormi contro qualcuno che in realtà non conosco e andare per tribunali..............
Comunque il mio senso civico mi ha portato a scrivere su internet questa mia testimonianza perchè questi continuano a ruota ad organizzare corsi sfruttando le illusioni di poveri disoccupati speranzosi di ottenere un contratto di lavoro. In realtà inizi con delle lezioni in una stanzetta della stessa agenzia di recupero crediti (nozioni di diritto, tecnica commerciale, privacy...), poi ti fanno fare un esame teorico e un test di psicologia di 567 domande (quest'ultimo non puoi nenche sapere come sia andato perchè la psicologa dice di essere stata commissionata dall'azienda e quindi non è tenuta a dire a noi, almeno che non si vada nel suo studio a pagamento....)
Conclusi i giorni di teoria ci viene chiesto di non entrare più dalla porta principale come i giorni precedenti ma dal retro dell'edificio (come i loro effettivi dipendenti) e incomincia la pratica: 8 ore al giorno di chiamate a raffica attaccati a delle cuffiette con turni che prevedono l'uscita anche dopo le 21.00. Ogni giorno, almeno due volte al giorno passa la tutor con il foglio delle statistiche che ci fa il resoconto delle situazione: quanto manca al traguardo. Il traguardo è l'obbiettivo minimo di recupero da raggiungere. Ci hanno ossessionato su questo tanto da spronarci ad essere più duri con i morosi per raggiungere quel risultato. Alla fine arrivo al traguardo e mi dicono che non è determinante?

Va bene ok, non mi assumete perchè non vi sto bene in mano, non vi va bene il mio carattere ma che mi si venga a dire che non ho lavorato è inaccettabile!

Io avevo già fatto in passato un corso dove era previsto stage non retribuito e ho svolto svariate mansioni in un ufficio contabile ma era tutto regolare, avevo una copertura inail, tutto alla luce del sole, quindi, assolutamente certificabile.

Ma qui ho capito d'aver proprio lavorato in nero e ciò è stato confermato dal loro rifiuto ad ammettere la realtà dei fatti.

Spero che il mio racconto aiuti la gente a stare in guardia e le istituzioni a controllare l'effettiva regolarità di questi centri di sfruttamento che ottengono prestazioni di lavoro a costo zero con l'unico onere di rilasciare un pezzo di carta a mio parere di scarso valore e che di sicuro vale molto meno della verità.

Distinti saluti.
Verdi.

Anonimo ha detto...

BRUMA (Bru.Ma), Napoli, Centro direzionale Isola G1. L'annuncio parla di poche unità ricercate come addetti alla clientela. Una parte dell'annuncio: "ACCOGLIENZA CLIENTI, COMMESSI/E ALLA CLIENTELA, DISTRIBUZIONE E CONSEGNE".
Vi contattano chiedendovi se volete fare il colloquio, non vi dicono di quale tipo di lavoro si tratta. Se chiedete vi rispondono che si occupano di GDO, consulenza e assistenza... e vari giri di parole. Al colloquio, il "manager" dell'azienda vi dice che sono un'azienda con varie sedi in Italia, alla quale si rivolgono decine e decine di aziende per svariati tipi di consulenza e gestione di non so cosa. Inoltre vi dice che non propongono contratti al primo colloquio. Che dovrete andare il giorno dopo vestiti in modo formale per capire se siete portati al tipo di lavoro. Dimenticavo, vi dice anche che attualmente non si occupano di vendite...

Anonimo ha detto...

Avrei bisogno di ricontattare il ragazzo o ragazza a proposito della Bru.Ma per aver maggior informazioni, non vorrei incappare nell'ennesima (ahimè) truffa.

Oramai prima di ogni colloquio faccio una bella ricerca in rete prima di recarmi sul posto e grazie a questo blog probabilmente eviterò l'ennesima perdita di tempo.
Grazie per il servizio che fate a tutti.

lino89 ha detto...

Ciao anche io ho un colloquio con la bruma domani. Tu sei andato?

bivio ha detto...

Ciao cerco informazioni sulla Bru.Ma. qualcuno può aiutarmi??

Anonimo ha detto...

ciao ragazzi,per quanto riguarda la Bru.Ma di napoli lasciate perdere.Si tratta dell'ennesima truffa,vendita porta a porta.

Anonimo ha detto...

Esattamente. Bru.Ma. Napoli Centro direzionale Isola G-7 14° piano. ENNESIMA PRESA PER IL CULO.

Anonimo ha detto...

anche io vado a fare alla bru.ma. un colloquio domani ma mi avete fatto venire voglia di non andarci più manco per consumare la benzina sono proprio scoragiato

Anonimo ha detto...

Anche io dovrei andare domani (18 Set) a fare il colloquio per la Bru.Ma ma leggendo questi commenti ho deciso di non andarci anche perchè, già andai il 31 Luglio a fare un colloquio presso di loro, solo che quando mi hanno chiamato oggi non mi hanno detto nulla del precedente colloquio,quindi vuol dire che non hanno un archivio di dati e chiamano a casaccio non pensando che forse sarebbe meglio non chiamare persone che hanno già contattato per evitare la puzza di truffa.Beh, io ora ho la conferma che sia proprio una truffa.

Anonimo ha detto...

chi non vuol lavorare merita la fame !!! io nella mia vita ho pulito anche i cessi e fatto il porta a porta e ad oggi lavoro e guadagno! invece di scrivere commenti che non vi aiuta a pagare mutui affitti bollette e spese accettate il lavoro che trovate o che vi offrono ,se poi siete sereni a chiedere ancora soldi ai genitori,a ciucciare le pensioni ai nonni o peggio ancora a fregare lo stato con le disoccupazioni affari di chi ha a che fare con gente che non vuole lavorare...la crisi in America negl'anni 70 è stata superata con il porta a porta ...l'unica cosa è che è dura camminare per lavorare...tutti vorrebbero lo stipendio dritto sul conto corrente senza fare niente ...

Sandra ha detto...

Mi ha Chiamato la società MALO di Lucca per un colloquio domani... io quasi quasi non ci vado... ringrazio Irene Nardini per la dritta!

Anonimo ha detto...

Perche'non parlaredi vito tartaglia sugli obblighi del venerdi sera?perche'nessuno ne parla?cosa accade il venerdi sera?

Anonimo ha detto...

il venerdi sera c'è l'aperitivo e riunione con tutti i colleghi ed è un obbligo andarci...a volte insieme la sede di catania si uniscono anche Caltanissetta e Messina...e c'è il confronto fra tutti i trainer e primi livelli...per "rubare"dai piu bravi

Anonimo ha detto...

salve

anch'io reduce di una "truffa" da parte di trt group di Piazza della Repubblica a Catania. io non voglio denunciare il lavoro come truffa perchè comunque il lavoro di porta a porta truffa non è. quello che vorrei denunciare è altro. ho letto l'annuncio su subito.it l'azienda si presentava come revolution srl per svolgere mansioni di inserimento dati logistica ecc. Chiamo per un colloquio che faccio in giornata stesso con un certo Bonaccorsi, mi fa qualche domanda sulle attività che avevo svolto in passato. inizia a parlare dell'azienda mai chiamandola per nome, parla di un progetto sud per la disoccupazione, parla di servizi per le imprese e queste imprese sono Poste Italiane e Enel poi finalmente parla di quello che è il lavoro che dovrei svolgere all'interno dell'azienda quindi inserimento dati anagrafiche logistica.. insomma chiaramente un lavoro di ufficio e ha ESPLICITAMENTE detto che non fanno ne vendita ne niente del genere e che avrei avuto un guadagno fisso di 900 euro al mese.. mi dice di tornare il giorno successivo alle 8.30 perchè sarei stata in affiancamento con una delle responsabili.
mi presento puntualissima anzi in anticipo.. quel giorno non mando neanche mia figlia a scuola per non aver avuto il tempo materiale di organizzarmi. aspetto circa mezzora in sala d'attesa e firmo questa famosa liberatoria e leggo in alto appunto trt group.. e da lì partono mille sospetti e inizio a leggere qualcosa proprio su questo sito. comunque arriva questo bonaccorsi e mi presenta questo fantomatico responsabile di cui non ricordo nemmeno il nome. ci avviamo verso l'uscita e l'ascensore e mi chiede che esperienze lavorative ho avuto e se il signor B. mi aveva spiegato piu o meno il lavoro.. ovviamente dico che il lavoro spiegato era chiaramente un lavoro di ufficio e non capivo xke eravamo in ascensore.. lui ha fatto effettivamente una faccia strana dicendo che era la prima volta che capitava una cosa del genere(evidentemente non usa internet).. cambia discorso dicendomi di spostare la macchina parcheggiata sulle strisce blu e ovviamente chiedo ma dove dobbiamo andare la sua risp è stata "a fare l'aggiornamento dei piani tariffari dei clienti"... io dopo anni di call center so cosa vuol dire fare l'aggiornamento dei piani tariffari dei clienti.. con l'unica differenza che loro lo fanno porta a porta e io lo facevo comodamente seduta su una sedia senza affaticarmi troppo.. lui un po sbalordito dalla mia risp mi congeda con un secco CIAO mi volta le spalle e se ne va..

quindi tornando al motivo della mia denuncia. non sto qua a discutere che tipo di lavoro viene svolto dall'azienda se guadagnate o meno se vi pagano puntuali o no.. ma almeno in fase di colloquio cercate di essere cchiari non fate perdere tempo alle persone..

Anonimo ha detto...

che poi non è vero assolutamente c'è un fisso di 900 euro...quello che guadagni sono solo i contratti andati a buon fine!!il primo mese ho preso 300 euro...ah dimenticavo...la prima paga è dopo 2 mesi che lavori li dentro!

Anonimo ha detto...

Ho ricevuto una chiamata: "salve lei è il signor tal del tali? Siamo la Service abbiamo ricevuto il suo curriculum e il nostro responsabile risorse umane ha ritenuto fosse adatto, le posso fissare un colloquio per domani alle 11?". Mia risposta: "Siccome mando molti curriculum, potrei sapere di cosa si tratta?". La "segretaria" mi dice che si tratta di vendita di lampadine e io le dico che accetto solo se non si tratta di contratto a provvigione, siccome non posso lavorare con contratti a provvigione. Lei si inacidisce mi fa "Chi le ha detto che si tratta di provvigioni? Guardi che io sono solo una segretaria e lei non può chiedermi l'inquadramento contrattuale", l'ho risposta tono e quando mi ha detto se ero interessato al colloquio le ho detto che da come mi aveva risposto sicuramente non avrei accettato nessun colloquio con la sua azienda e l'ho salutata.

Adesso si chiamano SERVICE, nel mese di luglio si chiamavano BRUMA. Feci un colloquio a dir poco scandaloso con questo omone che dovrebbe preoccuparsi del suo problema di sovrappeso invece di fare ciò che fa... Il colloquio praticamente unilaterale, questo tizio che fa mille giri di parole per dirti che non era possibile parlare nè di retribuzione nè di inquadramento contrattuale in sede di colloquio, quindi nè al telefono con "sono solo una segretaria" nè in sede di colloquio. Insomma, sarei dovuto andare il giorno dopo, senza sapere dove mi avrebbero sbarcato nè cosa avrei dovuto fare!!!

NON ABBOCCATE RAGAZZI, si chiamano BRUMA, SERVICE, operano anche qui a Napoli. Quando vi chiamano fate come ho fatto io, chiedete se si tratta di lavoro a provvigione oppure no, è un vostro diritto non fatevi fregare da queste persone!

Il solo fatto che si inacidiscano e tentano di aggredirvi equivale alla prova che si tratta di una presa per i fondelli! Chissà quante delusioni ha avuto ultimamente la cara segretaria della SERVICE o BRUMA che dir si voglia! Cara segretaria con me sei cascata male!

APRITE GLI OCCHI RAGAZZI!

Anonimo ha detto...

Buongiorno,
abbiamo preso da pochi mesi l'impianto termodinamico green power e siamo davvero molto delusi, pessima assistenza ma soprattutto non esiste alcun tipo di risparmio, E' SOLO UNA GRANDE TRUFFA.
Quando il venditore venne a casa disse più volte che avrebbe consumato come un frigorifero, ma mio padre essendo un elettricista riesce a misurare l'effettivo consumo e come volevasi dimostrare i consumi si aggirano sui 500 watt (come 5 frigoriferi non uno) e per portarti l'acqua a 50°C impiega una giornata specialmente nelle giornate nuvolose... in poche parole funziona d'estate (e poi e poi, il consumo è sempre uguale, impiega solo meno tempo) quando non serve.
Mi raccomando che nessuno si faccia più condizionare da un tecnico green power, adesso l'impianto non è più possibile cederlo e siamo andati dall'associazione feder consumatori ma pare non ci sia nulla da fare perché sono ben coperti.
6.000 euro letteralmente bruciati, chiaramente lo teniamo spento l'impianto :cry:
spero questo messaggio vi faccia riflettere

Marco

Eleonora Tofani ha detto...

Titolo annuncio: "Addetto segreteria". Descrizione dell'offerta: "Primaria azienda ricerca 1 addetta segreteria, ottima conoscenza pc, word, excel, per mansioni organizzative e back office, max 30 anni preferibilmente iscritte alle liste di mobilita'."
Si tratta di Ma.Lo srl di Guamo (LU). Ho ricevuto la chiamata per un colloquio il giorno stesso che ho risposto all'annuncio su internet, mi fissano tale colloquio per il giorno dopo alle 16:30. Mi presento puntuale e trovo numerosi candidati in attesa di essere ricevuti dentro una sala d'attesa con la musica a tutto volume (ahimè grande classico per le sedi dei promoter). Presto tocca a me, il colloquio è piuttosto superficiale: rapida osservazione del mio cv, mi viene detto che mi sarei dovuta occupare di inserimento dati per un azienda di spedizioni tramite un programma interfacciato con Excel e anche provvedere alla correzione di eventuali errori sui dati di spedizioni. Mi fissano il giorno di prova al lunedì della settimana seguente, dove sarei stata affiancata da un professionista durante per poi fare una prova in solitario nel pomeriggio; al termine della giornata (8:45 - 18:30) tutti i candidati avrebbero dovuto fare un test per stabilire chi era il migliore per i 2 (non era uno?) posti disponibili. Lunedì mi presento puntuale dopo aver fatto pure un ripasso di Excel di cui avevo solo vaghi ricordi, e udite udite mi assegnano la famosa figura professionale di guida e m'invitano a scendere per salire in macchina. Reduce già da 2 giorni di prova da promoter l'anno scorso sapevo che ero cascata di nuovo in quel giro, ma ho mantenuto la calma perché ormai ero lì e avevo firmato i fogli dove dichiaravo di effettuare la giornata di prova. In macchina (definita aziendale, piena di scarpe e mozziconi di sigarette) c'è la responsabile, un'altra promoter, un ragazzo assunto da una settimana, un'altra ragazza in prova ed io. Ci dirigiamo a Orentano (Castelfranco di Sotto, Pisa) e i "professionisti" non sanno nemmeno come arrivarci, l'altra ragazza in prova finge un di star male per scendere dalla macchina e andarsene indignata. Non avendo persone che mi potessero dare un passaggio fino alla mia macchina a Guamo e non conoscendo la zona, decido di non seguire la ragazza e di rimanere in macchina. Arrivati a destinazione ho la possibilità di parlare in disparte col ragazzo assunto da poco e gli chiedo che tipo di lavoro era (tanto per avere conferma) e lui mi dice "Guarda, non lo so nemmeno io". Poco dopo lo sapevo io per lui: promoter porta a porta per contratti gas e luce. Abbiamo girato a piedi dalle 9:30 fino alle 18:00 per tutto il paese con una pausa pranzo di 10 minuti massimo e l'unica fortuna è stata che le persone interessate al contratto ci facevano stare a sedere. Ho fatto finta di essere interessata al lavoro assecondando la promoter che mi faceva domande per capire se ero idonea e osservazioni in merito a quanto si guadagnasse e quanto fosse divertente fare quel lavoro. Tornati finalmente in "ufficio" chiedo al giovanotto che ci accoglie se fosse necessario fare il "test" visto che non ero interessata. Lui mi dice che sarebbe stato comunque utile e che dopo mi avrebbe fatto parlare col manager (e non vedevo l'ora sinceramente, avevo avuto tutto il giorno per pensare cosa dirgli). Dopo cambia idea, non mi fa completare il test e dice garbatamente che se voglio posso andarmene, perché tanto il manager è impegnato.
Sconcertante è non tanto la truffa e la giornata persa per niente, ma come questi ambienti siano tutti terribilmente uguali, le domante stesse del test sono identiche a quelle a cui ho risposto un anno fa e le persone che lavorano nell'ambiente che suonano campanacci se fanno più di 5 contratti in giornata con in sottofondo musica di discutibile qualità a tutto volume.

Anonimo ha detto...

essendo uno che sta cercando lavoro ho mandato CV dopo 2 giorni sono stato chiamato per colloquio alle 17. la discuzione che per magazino gia hanno in prova 10 ragazzi ma che sono interessati di mia persona (visto esperienza nell CV) di formare uno staff per una prossima apertura di un altra filiale e se mi va bene come direttore amministrativo (sono furbi perché hanno letto CV e sanno che esperienza lavorativa hai). sono d'accordo e mi dice di essere prossimo giorno alle 08.20 per formalita dei documenti(giornata lavorativa 08.30-18.30) ma di essere un po' più elegante. mi presento alle 8.20 e mi mette in mano un foglio per scrivere dati personali e firmare per giornata lavorativa in corso. mi metto a leggere e costato dei appunti fuori gioco e domando adesso dialogo:
''che cosa vuole dire non incide e non istaura nessun raporto di lavoro''
''come che non sei ancora assunto devi firmare questo per essere in regola che lavori con noi in prova''
''si ma doveva fare riferire a questo raporto come prova di lavoro''
''si''
''ma non si fa?''
''si ma come che lei non e ancora assunto questo si compila per essere in regola e loro lo sanno''
''loro essendo chi?''
''loro lo sanno''
''ho capito che loro lo sanno ma chi sono loro''
''la nostra azienda''
''ma quale e la vostra azienda che sul foglio non c'e scritto? a me non sembra un foglio ufficiale di un azienda. di che azienda parliamo''
''the infinnity''
''non posso firmare un foglio che non e ufficiale di un azienda e i dati che scrivi... come responsabile lo sa come funzionano le cose''
''se non e ufficiale la invito accomodarsi di qua'' e sono invitato fuori dal ufficio.
''finito l'amore? tutto qui? io pensavo ad un vero lavoro''
''la invito accomodarsi a cercare un lavoro vero'' cioe mi invita di nuovo di uscire.
si parla di ''the infinnity'' viale virgilio 50 sc6 piano 1 modena tel 059 847477

Anonimo ha detto...

https://www.infojobs.it/ver-oferta-inscripcion.xhtml?dgv=5439036449815333821&of_codigo=0f243a6c2e4ce3a14d4f62fe5bb3fc
truffa ragazzi e ''the infinnity'' viale virgilio 50 modena

Peppe Duraccio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

https://www.infojobs.it/napoli/selezioni-per-segreteria-commessi-alla-clientela/of-ie8e01e5afc4b3f8abfa68962c29a72

Anonimo ha detto...

vorrei sapere se qualcuno e andato ha fare un colloquio di lavoro per l,agenzia start al centro direzionale e sapere se e un ennesima truffa grazie

Anonimo ha detto...

Mi hanno appena chiamata quelli della BRUMA Service di Napoli. Ero quasi contenta ma ho cercato su internet informazioni perché non mi convinceva il modo vago di parlare del lavoro. Poi ho visto qui e letto i commenti. Mi è passata pure la voglia di chiamarli domani per fissare il colloquio -.-"

Anonimo ha detto...

Buongiorno,l'altro ieri vengo contattato da "la Chance" di Catania in via vagliasindi 9, dopo aver risposto ad un annuncio abbastanza generico, mi fissano appuntamento per il giorno successivo, alla quale ovviamente vado, breve colloquio dove non viene detto nulla di chiaro e dove non mi viene chiesto quasi nulla. Alla fine mi fissano una giornata conoscitiva per oggi.
Stamattina arrivo anche in anticipo, la segretaria mi fa accomodare e dopo poco mi porta una liberatoria da firmare, al mio rifiuto di firmare tale liberatoria se prima non venisse spiegato cosa sarei andato a fare, mi ha chiesto di andare via, io ho insistito per parlare con la responsabile la quale all'inizio non ne voleva sapere, poi quando sono stato più insistente mi ha detto che la loro prassi non gli permette di mettermi a conoscenza se prima non avessi firmato. Ovviamente sono andato via, e sconsiglio vivamente a voi di credere a questa assurda agenzia, assolutamente non professionale.

Anonimo ha detto...

Sconsiglio di lavorare per la Terravision. Stipendio bassissimo, contratti a progetto (da parte di fantomatiche aziende mai sentite che aprono e chiudono nel giro di qualche mese) senza ferie, senza malattie, senza notturni (eppure devi entrare la mattina alle 5 e finisci di lavorare all'una di notte!), senza straordinari. Nessuna garanzia. Ambiente veramente pessimo, dove non c'è rispetto per il dipendente, dove non c'è nessun interesse a investire nelle risorse umane, viste come un fastidioso costo, niente di più. Meglio fare gli operatori ecologici, i rappresentanti, le pulizie, qualunque lavoro è di certo più gratificante!

Anonimo ha detto...

beh........io ho lavorato per un'azienda siciliana e facevo contratti porta a porta, credo che non ci sia niente di male............ricordo a tutti quanti che il mio stipendio non ' mai sceso sotto le mille euro........poi ognuno ha diritto di dire ciò che pensa, ma non chiamiamo un lavoro onesto, truffa..............

Anonimo ha detto...

Stessa esperienza avuta oggi! Alle 3 li ho mollati a sant'antimo e me ne sono tornato a casa. Perché ho capito quanto fossero ciarlatani. Che schifo di persone.

Anonimo ha detto...

Truffa ragazzi " Suzan " viale Virgilio 40 modena 059847477 stesso numero di "infinity"

Anonimo ha detto...

CIAO A TUTTI...mi riferisco al ragazzo,che è stato chiamato dalla ditta...LA CHANCE DI CATANIA IN VIA GUSTAVO VAGLIASINDI N9....perchè pure io avrei un colloquio il lunedi con loro..però sentendo un pò di commenti mi sa che non sono seri per niente....GRAZIE..

Anonimo ha detto...

Ragazzi è la Truffa che state descrivendo?

http://www.subito.it/offerte-lavoro/addetti-inserimento-dati-back-office-e-magazzino-catania-106337715.htm

Orazio ha detto...

Sono andato al colloquio di quella che, ho capito dopo essere una agenzia pubblicitaria porta a porta. Colloquio a Catania, piazza della repubblica 32, 4° piano.

primo colloquio ultra veloce, non mi ha chiesto assolutamente nulla, il tizio parla a raffica dicendo quelle quattro cose che ormai ha stampato a fuoco nel cervello. Mi fissa un per il giorno seguente (04/12/2014) una giornata intera con un responsabile, mi porta a prendere un caffé ed inizia a parlare anche lui ripete le stesse cose di quello del giorno prima, ma questa volta posso fare domande con calma e mi spiaga molte altre cose.
Praticamente si tratta di un turno full time 8:30 / 18:30, dove la sede assegna una zona di un paese/città e devi andare in giro a suonare alle porte proponendo un qualcosa.

Io non interessato ho ringraziato e me ne sono andato.

l'annuncio è totalmete fuorviante e non ha nulla a che vedere con il lavoro che poi ti propongono, non penso sia una truffa, ma non c'è stipendio fisso e non ci sono garanzie.

Anonimo ha detto...

qualcuno ha avuto a che fare con la Eni Cil Corporation Srl ??? oggi ho il colloquio...vi tengo aggiornati!

Anonimo ha detto...

aggiornamento: fatto colloquio oggi con Eni Cil Corporation Srl, l'annuncio diceva che veniva ricercato personale per contratto a tempo indeterminato full time... in realtà si tratta di una collaborazione con compenso in provvigioni in base ai contratti di fornitura conclusi... che altro dire...

Anonimo ha detto...

Anche a me è successo un bel po' si volte di incappare in queste sottospecie di aziende che tramite annunci ti propongono un certo lavoro, che non è quello che in realtà ti vogliono rifilare. Per un po' di volte ci sono cascata, andando direttamente al colloquio, per poi accorgermi che 'qualcosa non quadrava' e venire a sapere che in realtà erano vendite porta a porta di gas e quant'altro. -.-'' Se penso a quanti soldi ho speso in questi anni in mezzi pubblici per fare questi 'colloqui' (per modo di dire, visto che normalmente non vogliono sapere mai niente delle tue esperienze lavorative), ancora mi viene il nervoso... Comunque, a furia di fregature, finalmente ho cominciato ad addocchiare queste aziende, non appena ti telefonano per fissarti l'incontro. Oggi per es. mi ha contattato una ditta di Milano , una certa Revolution srl, dicendomi di aver ricevuto il mio CV, e chiedendomi se ero libera per un colloquio domattina. Quando però ho chiesto alla segretaria: "Mi ricorda gentilmente qual è la posizione, visto che mando tanti curriculum?", questa è rimasta sul vago : "servizi di consulenza". "Ma si tratta di un lavoro da ufficio?" incalzo io, e lei ha iniziato a tentennare: "uhm... ehm... io non lo so... deve venire qui per sapere di che lavoro si tratta". Ed ecco qua che mi s'è acceso il campanello d'allarme. Okay, rispondo io, e la saluto, dicendole: "a domani allora. se dovessi avere dei problemi posso ricontattarla su questo numero [tra l'altro un cellulare. mai che chiamino col fisso. nda]?", lei risponde di sì e riattacca. A quel punto cerco su internet Revolution srl Milano, e non mi trova niente. Provo allora a inserire direttamente il nome della via sul motore di ricerca, e ... mi spunta il nome di un'altra società (Start srl)! Entro nel sito per vedere di che si occupa, e guardacaso, di consulenza. Tante belle parolone nella descrizione, bla bla bla. Vado a quel punto sulla sezione 'lavora con noi' e tra le offerte lavoro trovo "cercansi consulenti in tutta Italia'', controllo nel dettaglio di cosa si tratta e, tra le tante 'belle parole', leggo "portfolio prodotti" , "retribuzione settimanale", "provvigioni" ecc... Insomma, un porta a porta. -.- Naturalmente domattina li richiamerò e dirò loro che non potrò più andare all'appuntamento. :D Io personalmente non li ritengo però dei lavori-truffa. Il lavoro porta a porta non è una truffa, è un lavoro come un altro. Non capisco però perché ste aziende si ostinino a falsare gli annunci scrivendo per es. che cercano: commessi, impiegati, segretarie ecc..., nella speranza che i polli ci cascino e vadano a fare un colloquio da loro! Probabilmente sanno che scrivendo direttamente che è un porta-a-porta, risponderebbero in pochi, e sperano che attirando possibili candidati con falsi annunci, questi una volta lì dicano: "va beh, posso fare anche questo, mi sta bene". Però non è corretta questa cosa. Perché c'è invece gente non interessata a questo genere di lavoro, che fondamentalmente finisce col perdere tempo prezioso in colloqui futili, oltre che soldi in benzina/mezzi pubblici e quant'altro. E' questa la cosa che non sopporto.

Anonimo ha detto...

buongiorno .......qualcuno della zona di Salerno/ Pontecagnano, mi saprebbe dare maggiori info in merito a questo annuncio di Lavoro ? è fasullo o è serio? .......
mi hanno risposto con mail, indicando un num. di telefono che io dovrei richiamare per fissare un colloquio ....? mi pare strano (TRATTASI DI AZIENDA G.SERVICE) ::::::
Azienda di assistenza e distribuzione materiale elettrico, per apertura nuovo Dipartimento in Pontecagnano(SA) cerca personale da inserire nel nuovo Dipartimento. Nello specifico:
- 2 addetti/e al front office e alla segreteria
- 2 addetti all'organizzazione del deposito
- 2 addetti/e all'inserimento degli ordini e fatturazione

Anonimo ha detto...

Io ho chiamato al numero di G.Service... mi ha risposto una voce femminile anche abbastanza educata... trovandosi vicino a me ho intenzione di presentarmi al colloquio... mal che va andrà via qualche euro di metano...

Anonimo ha detto...

G.service a Pontecagnano

Azienda di assistenza e distribuzione materiale elettrico, per apertura nuovo Dipartimento in Pontecagnano(SA) cerca personale da inserire nel nuovo Dipartimento. Nello specifico:
- 2 addetti/e al front office e alla segreteria
- 2 addetti all'organizzazione del deposito
- 2 addetti/e all'inserimento degli ordini e fatturazione

Si, con diversi mesi di pregresso porta a porta. Colloquio #1: Il "grandecapo" dice che con un colloquio di 10 minuti non si descrive niente, propone giornata di visualizzazione del lavoro. Sentendo puzza di fregatura da kilometri accetto comunque, al massimo rinuncio.

Colloquio #2: Solita prassi. Attesa con due segretarie che fingono di inserire fatture, musica (pessima) a volume alto. Il "grandecapo" chiama uno per volta me e gli altri due sfortunati che avevano risposto e ci assegna ad altrettanti "validi rappresentanti".
Questa ragazza, cui esco dalla sede, inizia a far domande sul mio passato lavorativo cercando di capire (credo) se il "grandecapo" aveva accennato di cosa si trattasse VERAMENTE. Dopo averle chiaramente detto che non lo ha fatto e specificato che io ed i rapporti col pubblico siamo universi separati (ero interessata al backoffice), questa persona mi chiede se fossi della zona, se sapevo come tornare a casa, mi rassicura che la firma di non-collaborazione non imponeva nulla e mi offre addirittura un passaggio.. Forse i cinque minuti migliori. Ovviamente NON ho fatto questa giornata.
Morale della favola: G.service offre PORTA A PORTA.

E io sono sempre più convinta che questo tipo di lavoro venga sempre più additato come truffa perché viene offerto di nascosto e per traverse vie manco si fosse corrieri della droga... La colpa è degli offerenti e delle aziende madri che, pur di fare contratti, ti costringono a prendere per il culo la gente!

Anonimo ha detto...

Front Office Ed Evasione Ordini Clienti

Data dell'offerta:16/03/2015 Nome dell'azienda:Dm Group Provincia:Roma

Categoria:Marketing e comunicazione
Azienda di assistenza e distribuzione materiale elettrico, per apertura nuovo

Dipartimento a Civitavecchia(RM) cerca personale da inserire nel nuovo Dipartimento. Nello specifico: -

2 addetti/e al front office e alla segreteria - 2 addetti all'organizzazione del deposito - 2 addetti/e all'inserimento degli ordini e fatturazione anche prime esperienze, età compresa tra i 18 e i 35 anni. E' previsto un periodo di formazione retribuita di 2 settimane.

Front Office Ed Evasione Ordini Clienti
Data dell'offerta:16/03/2015 Nome dell'azienda:Dm Group Provincia:Roma Categoria:Marketing e comunicazione
Azienda di assistenza e distribuzione materiale elettrico, per apertura nuovo Dipartimento a Civitavecchia(RM) cerca personale da inserire nel nuovo Dipartimento. Nello specifico: -
2 addetti/e al front office e alla segreteria - 2 addetti all'organizzazione del deposito - 2 addetti/e all'inserimento degli ordini e fatturazione anche prime esperienze, età compresa tra i 18 e i 35 anni. E' previsto un periodo di formazione retribuita di 2 settimane

Cmq non si trova il sito se non fosse per un azienda che tratta marketing . Io penso male

ma non mi fido ! MALEDETTI !!! by Donatella M.




Anonimo ha detto...

http://www.opportunityjob.it/dovesiamo.html chi mi puo dare delle informazioni sul' agenzia Opportunity Job srl, filiame Monza? Se esiste veramente o se si tratta di una truffa?

Anonimo ha detto...

Napoli - almac s.r.l centro direzionale isola g 1 scala A 4 piano interno 34 ,devo svolgere un colloquio come volantinaggio,conoscete? sapete se è un'agenzia seria? fatemi sapere

Anonimo ha detto...

Raga buonasera poco fa mi ha contattato un azienda che si chiama Number One srl, si trova a Napoli centro direz. is. G1 scala D 4° piano int. 29, per caso qualcuno ha gia' sentito parlare di questa azienda? Mi hanno fissato un colloquio per lunedi pomeriggio e sinceramente di spendere soldi x diesel e tempo non mi va proprio, naturalmente al telefono mi sono state dette le solite cose...il responsabile pensa che il suo curriculum sia idoneo, vorrebbe vederla per un colloquio...ecc. ecc....Se qualcuno ha delle segnalazioni da farmi su questa azienda gliene sono molto grato...Raga buonasera poco fa mi ha contattato un azienda che si chiama Number One srl, si trova a Napoli centro direz. is. G1 scala D 4° piano int. 29, per caso qualcuno ha gia' sentito parlare di questa azienda? Mi hanno fissato un colloquio per lunedi pomeriggio e sinceramente di spendere soldi x diesel e tempo non mi va proprio, naturalmente al telefono mi sono state dette le solite cose...il responsabile pensa che il suo curriculum sia idoneo, vorrebbe vederla per un colloquio...ecc. ecc....Se qualcuno ha delle segnalazioni da farmi su questa azienda gliene sono molto grato.

Anonimo ha detto...

qualcuno di voi mi conferma che si tratti di un porta a porta e non di addetto back office o gestione del magazzino? non riesco a capire il fatto di perchè mi devo presentare li nei loro uffici e non nell'azienda Acea di cui dicono dovrei lavorare.... un colloquio iniziale fatto di pochissimi minuti credo massimo 3 con pappardella senza un dialogo sulle mie capacità.... si è concluso dicendo che dal primo colloquio non si potevano vedere le mie capacità ma che ci sarebbe stata una giornata lavorativa dalle 08.30 -18.30 con test finale... ma? io lavoro, ma in nero, non è il massimo ma mi permette un minimo di vita non posso perdere giornate nel caso queste sono delle bufale.... che mi consigliate

Anonimo ha detto...

G. Service Pontecagnano
qualcuno di voi mi conferma che si tratti di un porta a porta e non di addetto back office o gestione del magazzino? non riesco a capire il fatto di perchè mi devo presentare li nei loro uffici e non nell'azienda Acea di cui dicono dovrei lavorare.... un colloquio iniziale fatto di pochissimi minuti credo massimo 3 con pappardella senza un dialogo sulle mie capacità.... si è concluso dicendo che dal primo colloquio non si potevano vedere le mie capacità ma che ci sarebbe stata una giornata lavorativa dalle 08.30 -18.30 con test finale... ma? io lavoro, ma in nero, non è il massimo ma mi permette un minimo di vita non posso perdere giornate nel caso queste sono delle bufale.... che mi consigliate?

Anonimo ha detto...

Salve siamo un gruppo di persone truffate da un farabutto che recluta giovani redattori giornalisti e operatori video per realizzare interviste in ambito sanitario , pubblicarle su Youtube ed intascare monete.
Il truffa un sedicente medico chirurgo di Salerno promette contratti a tempo indeterminato e racconta di una inesistente societa' in fase di start up ma inesistente.Ragazzi attenzione a non cadere nella trappola!Il sito per cui arruola persone che ignare non verranno mai retribuite come promette e ' www.paginesalute.it .IN CAMPANA!

Anonimo ha detto...

Attenzione ci sono ditte di sfruttatori che assumono giovani per distribuzione di sistemi di guida per gruppi turistici e mostre di arte in tutta italia vi fanno lavorare con ritmi e orari assurdi poi vi pagano in voucher vi promettono assunzioni ma poi vi dimenticano e vi sostituiscono con altri e poi con altri e altri ancora alcune di queste ditte si chiamano , vox ,antenna audio ,start e whisper ,non ci cadete !,

Anonimo ha detto...

Ho vissuto un 'esperienza simile qualche anno fa con Kirby, gli aspirapolveri - trabiccolo (venduti quasi al prezzo di un'auto). Ragazzi, attenzione, a Monza ha aperto da poco uno pseudo-ufficio (Monza Service) con uno pseudo-sito web: in realtà sono quelli della Kirby. Per evitare di essere sfruttati gratis, andatevi a vedervi le inchieste giornalistiche, i resoconti di chi ci è cascato e i servizi -denuncia.Non cascateci!!!

Unknown ha detto...

stavo scrivendo un blog sulla mia esperienza di un mese con questi matti nella mia città. L'ho cancellato temporaneamente perché il mio ex capo (chiamiamolo così) sta minacciando denunce a destra e a manca

Anonimo ha detto...

Sono stato contattato da SD Group isola g1 scala d, quarto piano (4 piano), back office e svariate mansioni. Sapete qualcosa al riguardo? Grazie.

Unknown ha detto...

Stessa identica cosa ieri . Me ne sono accorta fin da subito quando in un annuncio mettono una cosa, e poi te ne danno da fare un'altra si capisce già da lì che qualcosa non va. 900 euro, stipendio fisso per back office, magazziniere, per passare a quel lavoro però bisogna prima fare la mansione esterna, per 30 giorni, accanto ad un collaboratore. Alla fine ho scoperto che dovevo fare la promoter per l'enel riguardo le tariffe da abbassare. Pz. Della Repubblica 32 4 piano Catania. Non vi fate fottere. Io ho detto direttamente in faccia al capo che dice di chiamarsi Alessio, tutto ciò che mi puzzava di sta cosa e che già avevo sentito cose simili. Vi fanno fare il test, 10 domande, pertinenti al lavoro e anche personali, vi dicono che per il primo mese guadagnate 780 euro, 35 al giorno dal lunedi al.venerdì, dalle 8.30 alle 18.30. Che vergogna, vi ho beccati subito

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti ragazzi, anche io ho avuto un incontro ravvicinato con questi "signori" proprio oggi. Lasciate che vi spieghi. In data 15 novembre 2015 mi sono recato ad una "prova sul campo" per un posto da "assistente clienti e lavoro BACK OFFICE" per conto dell'azienda LA CHANCE DI ADELE BONANNO, VIA GUSTAVO VAGLIASINDI 9, PALAZZINA G, NUMERO CITOFONO 129. Avevo precedentemente inviato il curriculum online al contatto mail di questa "azienda" in risposta al loro annuncio di lavoro e, dopo qualche settimana, sono stato contattato via mail dalla loro segretaria con testuali parole :-Buonasera,
Abbiamo visionato il suo CV e siamo lieti di informarla che giorno 12 novembre 2015 alle ore 16,30 è invitato a recarsi presso la nostra sede per un colloquio conoscitivo portando con se il suo Curriculum Vitae.

Localita: CATANIA, via Gustavo Vagliasindi 9 palazzina G codice citofono 129 alle ore 16,30
Cordiali saluti
LCH"-.


Interessato, mi reco al colloquio in perfetto orario e li vengo accolto dalla segretaria che, gentilmente, mi dice di aspettare nella sala d'attesa il mio turno insieme agli altri candidati. Dopo pochi minuti vengo chiamato e, curriculum alla mano, entro nell'ufficio. Li, mi accoglie un uomo che inizia a spiegarmi che la loro azienda si occupa di telecomunicazioni, tecnologia per aziende, assistenza clienti e che, ultimamente, si stavano espandendo anche nel settore del turismo come agenzia di viaggi. Aggiunge anche che la loro azienda è estesa su tutto il territorio italiano e che vanta piú di venti punti vendita(ricordatevi PUNTI VENDITA) sparsi qua e la per la nazione e che, di li a poco, avrebbero aperto un altro punto vendita a CATANIA prima di Natale. Proprio per questo, stavano cercando urgentemente candidati da inserire nel punto vendita con una disponibilità di 3 posti solamente. Io, incuriosito, inizio a fare domande dettagliate sulle mansioni e sulla retribuzione prevista. Con mio grande piacere, vengo informato che, dopo un giorno di prova dalle 8:30 alle 6:30 in AZIENDA, se ci fossero stati i presupposti e se fossi stato idoneo, avrebbero iniziato un CONTRATTO A PROGETTO di sei mesi con retribuzione mensile di 800/900 euro al termine del quale, sempre se idoneo, avrei ricevuto un CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO con retribuzione mensile di piú di 1000 euro. Tutto magnifico, tutto fantastico, fin qui. Interrompendo bruscamente il suo compiaciuto monologo, inizio a infilare altre due domande sul tipo di lavoro e sulla retribuzione e lui, per tutta risposta, ribadisce che le mansioni sono quella di ASSISTENTE CLIENTI, ADDETTO AD INSERIMENTO DI DATI ANAGRAFICI, BACK OFFICE e mi ripete che verrei pagato mensilmente con una cifra superiore agli 800 euro.

Anonimo ha detto...

Finalmente arriva il giorno del colloquio e io, dopo piú di mezz'ora trascorsa in auto ad imprecare contro il traffico nella circonvallazione di Catania, mi siedo sui gradini della palazzina G insieme ad altri due candidati. Suono il campanello, mi dicono di aspettare fuori 5 minuti perché ci avrebbero chiamati loro. Dopo 20 minuti una ragazza mia coetanea apre il portone e ci invita a salire. Arrivati nella sala d'attesa( la medesima del colloquio conoscitivo), troviamo sulle nostre rispettive sedi un foglio da firmare, scritto in pessimo italiano e in stampatello maiuscolo, in cui si accetta di passare una giornata in compagnia del collaboratore
dell'azienda, senza prendere nessun impegno lavorativo. La cosa stava iniziando a puzzarmi e , a dirla tutta, ero giá sicuro che il lavoro non sarebbe stato quello scritto nell'annuncio. Decido di firmare poichè quel foglio non aveva nessun valore legale. Dopo pochi secondi vengo invitato dalla segretaria ad entrare nell'ufficio e mi presenta questo fantomatico collaboratore, un ragazzo della mia etá vestito in maniera eccessivamente elegante. La segretaria mi dice che siamo pronti per andare e, dopo un cenno sottovoce da parte del ragazzo, usciamo dalla palazzina attraverso il retro. Ed è qui che ogni mio dubbio sulla questione era stato ormai fugato. Decido di seguirlo tacitamente, spinto dalla voglia di assistere al corso degli eventi e vedere che piega avrebbe preso la giornata di li a poco.

Anonimo ha detto...

Il ragazzo si gira verso di me ed esclama:-"Bene, la nostra giornata inizia dal bar, con un bel caffé". In pochi secondi andiamo al bar di fronte alla palazzina, lui mi offre un caffè ed io lo accetto volentieri. Finito il caffé lui chiama un suo collega, un certo ALDO e, durante l'attesa, inizia a chiedermi da dove vengo, quali fossero le mie esperienze lavorative. Prontamente gli chiedo :-" Dove stiamo andando? "-lui risponde-" Stiamo andando da alcuni clienti per rinnovare dei prodotti"-. Gli pongo un'altra domanda:-"Non è un lavoro porta a porta, vero? Nell'inserzione c'era scritto che cercavate personale per lavoro back office e impiegato full time. Non vendete prodotti porta a porta, giusto?"-. -"Anche, facciamo anche quello. Intanto andiamo da questi clienti e poi ti spiego, tranquillo"-. Inizio a incazzarmi:-"No, aspetta, cosa vuol dire ANCHE?Non si era parlato di lavoro porta a porta. Dimmi dove stiamo andando e cosa stiamo andando a fare"-lui risponde-" Questo, non te lo posso dire. Ma tranquillo, non ti preoccupare, tu vieni con noi e poi ti spiegheremo tutto stasera"-. Nel frattempo, il suo collega ci raggiunge con l'auto e io, con la scusa di dover spostare la mia auto dalle strisce blu, scendo dalla loro macchina e sposto la mia in un parcheggio vicino. Scendo, faccio scendere loro dall"auto e inizio a parlargli. Finalmente, dopo 15 minuti di conversazione, inizio ad estorcergli informazioni e scopro che, come pensavo, si trattava di un CONTRATTO A PROVVIGIONI. Segnatevi bene in testa questa parola, PROVVIGIONI. Confessano che il lavoro è di porta a porta e che si guadagnavano 15 euro portando a buon fine un contratto telefonico e 50 per un contratto della luce, affermando che loro facevano piu di mille euro al mese. Gli chiedo, allora, perchè nell'annuncio ci fosse scritto che cercavano personale per tutt'altro lavoro e loro mi rispondono che quelle mansini esistono ma sono da svolgere al rientro in ufficio, verso le sei di sera, dopo UNA INTERA GIORNATA DI PORTA A PORTA. Chiedo spiegazioni, mi dicono che non sarei stato per sempre porta a porta e che dopo poco tempo avrei avuto le mansioni piú importanti. Ma si sono dimenticati che, pochi minuti prima, il collaboratore mi aveva confessato di lavorare li da oltre un anno ed era palese che non lavorasse in ufficio. Per farla breve, li ho mandati cortesemente affanculo e sono tornato a casa. PER TUTTI QUELLI CHE SONO STATI CHIAMATI DA LA CHANCE BONANNO A CATANIA, MANDATELI A QUEL PAESE, NON PERDETE TEMPO! lo stesso discorso vale per le altre "aziende". Fate attenzione.

Posta un commento

Da oggi puoi commentare anche, al seguente link:
http://denunceinrete.forumfree.it

il captcha (il "verifica parola") non serve immetterlo. Dopo il vostro commento, cliccate direttamente su PUBBLICA COMMENTO. Se siete commentatori Anonimi però, mi dispiace, ma dovrete invece... scriverlo: non dipende, cioè, più da Noi, ma dalla Nuova Politica di Blogger.. (e, non ci possiamo fare, proprio NIENTE!!)

NOTA
IL BLOG, CHIUDE DEFINITIVAMENTE. DA OGGI, I COMMENTI, SONO DISABILITATI.
SALVATE, IL BLOG.. O, MEGLIO: SALVATE, "L'IDEA" DEL BLOG, E DIFFONDETELA...
Grazie a Tutti.

- Denunce in Rete -

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.