01 mar 2011

A Torino si muore di Malasanità. Attenti!!

State attenti voi che leggete, abitanti di Torino... ai vostri dottori, nei vostri ospedali.. Potrebbe succedervi quello ch'è successo al segnalatore della prossima denuncia; anche se noi, non ve l'auguriamo mai...

Attenti, dunque. Per non essere la prossima vittima di Malasanità di Torino, l'unico modo è prevenire.. Fate sapere, questa storia. E, adoperatevi con qualsiasi mezzo affinchè mai più si ripeta, una simile tragedia!! Un simile orrore!


Raccogliamo la Denuncia, fatta sul sito di DenunceItaliane.it:
http://www.denunceitaliane.it/forum/malasanita/2-denunciare-medico-incompetente-o-desideroso-di-soldi-.html#2

- - - - - - - - - - - - - - -

"
I contributi inviati a denunceitaliane.it dagli utenti, possono essere
condivisi a condizione imprescindibile che il nome del sito internet
"denunceitaliane.it" sia presente dove venga condiviso il contributo,
con la formula testuale con link diretto verso questo sito es: ...
"origine del contributo dal sito internet www.denunceitaliane.it"

"
- - -

Mi chiamo Luca Milletarì, vivo a Torino e voglio lasciare scritto su questo sito internet una mia esperienza diretta di malasanità, avuta, seguendo la malattia di mio padre, Antonino Milletarì. (tumore polmonare)

Nel 2001 abbiamo scoperto l'esistenza di un tumore al polmone, abbiamo iniziato tutte le relative cure come la radioterapia, la chemioterapia ed un intervento chirurgico al polmone per esportare il tumore (ancora non in metastasi).

Tutto è proceduto bene ed abbiamo incontrato medici molto bravi e disponibili verso questo tipo di malattia all'interno del reparto pneumatologico dell'Ospedale S. Luigi di Orbassano in provincia di Torino. Abbiamo seguito tutti i vari cicli di chemioterapia dopo l'intervento al polmone e tutto sommato stava procedendo bene, il tumore si ripresentava in piccole cellule ed attraverso la chemioterapia veniva distrutto per poi riformarsi di nuovo dopo un paio di mesi e di conseguenza distruggerlo nuovamente con i cicli di chemioterapia.

Purtroppo nell'ottobre del 2004, un giorno come tanti, mio padre era in ospedale per aspettare di effettuare un altro ciclo di chemioterapia.
Ad un certo punto arriva nel reparto dove eravamo (pneumatologico), un medico del reparto di chirurgia generale, e ci comunica che guardando delle lastre avevano trovato un diverticolo (un foro nell'intestino) a mio padre e se non si sottoponeva subito ad un intervento avrebbe vissuto più o meno per altri 7 giorni.
Io e mio padre ci siamo guardati stupiti e dopo averne parlato tra di noi decidemmo (quasi costretti) di ascoltare questo medico e di farsi operare per eliminare questo diverticolo.

Il giorno successivo mio padre viene portato in sala operatoria e viene operato. Io mi trovavo per lavoro a Novara ed appena mi sono liberato dal cliente sono corso all'ospedale ed arrivai un ora dopo che fosse finito l'intervento. Intervento chirurgico effettuato dai Dottori: Roberto Rosa e da Stefano Enrico.

Appena arrivai al reparto di chirurgia generale, dove era mio padre, subito delle infermiere che avevano assistito all'operazione di mio padre al diverticolo, si avvicinarono a me e mi dissero di denunciare i medici che avevano effettuato l'operazione perché mio padre non aveva nessun diverticolo e quindi è stato aperto con un taglio di 20 cm allo stomaco per niente.

Infatti, mi raccontano che il chirurgo aveva tagliato mio padre si è messo a cercare il diverticolo ma non essendoci lo ha richiuso ed ha terminato la sua operazione.

(questo, per chi non lo sapesse, ha impedito il ciclo di chemioterapia, infatti non si può fare nessun ciclo se riporti dei tagli o ferite, perché la chemioterapia non fa coagulare il sangue e quindi non permette la rimarginazione e si morirebbe per dissanguamento).

Andai subito dal Dottor Roberto Rosa per chiedere delle spiegazioni sull'operazione che aveva svolto.

Appena mi vide, iniziò subito ad urlarmi addosso senza neanche darmi la possibilità di dire “Buongiorno Dottore”, e mi urlò che potevo anche denunciarlo, che potevo fare quello che volevo (tutto questo senza neanche guardarmi in faccia ma sgattaiolando da una stanza all'altra.) e talmente urlava che tutto il reparto lo sentiva compreso mio padre, il quale mi fece subito andare da lui e mi disse di lasciarlo perdere e di non denunciarlo perché ormai la frittata era fatta e Dio lo avrebbe punito per il suo operato.

Mio padre è stato un uomo di grande fede cristiana e per lui contava di più la punizione divina che quella dell'uomo. Io abbattuto e pieno di rabbia rispettai la sua richiesta e non sporsi nessuna denuncia.

Quando ormai il taglio fu rimarginato e si potevano fare i cicli di chemioterapia, il tumore aveva preso il sopravvento ed i cicli di chemioterapia non servivano più perché ormai il tumore era in metastasi. Da li a circa 5 mesi mio padre morì, il tumore si mangiò tutto il polmone riversando acqua dentro se stesso ed il cuore non resse più e gli scoppiò determinando così la sua fine ancora prima di quel poco che già gli rimaneva, e la cosa più buffa di tutto questo è che i medici che hanno operato mio padre sono stati pagati profumatamente per i loro servizi.


Lascio a voi che leggete il giudizio di quello che mi è successo ed ora sono più sereno perché finalmente ho potuto dare voce alla mia vicenda e spero che questa mia esperienza possa servire un giorno a qualcuno, per evitare che si ricada di nuovo in questo tipo di situazione.

- - - - - -

Grazie Lux, per la tua preziosa Testimonianza. Vedrai che a qualcuno servirà leggerla.

Un abbraccio, da tutti noi di Denunce In Rete - lo staff.



-o-0-o-




Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -

Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:

http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/a-torino-si-muore-di-malasanit%C3%A0-attenti/fuim2rk2bfhv/12#view

- - -

Quest' articolo, è presente su: http://www.denunceitaliane.it/

- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.com


SCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)

Aggiornamento 02 03 2011: dal sito di
http://www.denunceitaliane.it/

Ho corretto il post, aggiungendo il mio nome e cognome e quello di mio Padre. Vorrei aggiungere che ancora oggi conservo tutti i dati sanitari che hanno riguardato mio Padre, tra cui anche quelli dove veniva fatta richiesta urgente per l'intervento al diverticolo e quello successivo all'intervento dove viene detto che non è stato trovato nessun diverticolo, i quali metterò volentieri a disposizione magari per il Tribunale dell'ospedale.... Poveri noi in questa Italia....

luxlux

- - -
Caro Luca; ci permettiamo di spronarti alla denuncia legale, non tanto per sperare di avere giustizia (come tuo padre diceva, esiste quella divina..), ma.. per evitare ad altri d'incorrere negli stessi dottori responsabili. Non sia mai che uccidano qualcun altro... e, la responsabilità sarà anche tua che decidi di non parlare, di non denunciare. FALLO. Nei confronti del tuo prossimo, è la cosa più corretta da fare. Animo!

lo Staff -

.


10 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao LUCA , ho letto la tua lettera e mi dispiace tanto x tuo padre e cosi anche x te . x fortuna i medici non sono tutti come quel chirurgo ! io forse al tuo posto farei una bella denuncia , e con i soldi che vincerai .... ( perchè li vincerai ) li darei ad un'associazione che aiutano le persone malate di tumori , son sicura che tuo padre ne sarebbe felicissimo . ciao buona fortuna . caterina , ciao

Anonimo ha detto...

ciao luca, mi spiace per l'accaduto, fidati alle persone competente e justizia avrai, purtroppo è dal 21 marzo che vado avanti per un caso di malasanita e ogni mese sto peggiorand, ho 47 anni, e tutt'ora il medioco che mi ha operata privatamente mi mortifica e vuole che faccia accertamenti dove mi manda lui, non avendo piu le possibilita di andare a pagamento sono passata dalla mutua dove riscontrano peggioramento. Non so piu cosa fare e mi sono anch'io fidata nelle mani di dio solo che mia figlia di 11 anni ha solo me. grazie, avevo paura di scrivere perhe sono succube di tutto:

Anonimo ha detto...

che tristezza! un tempo quando eravamo ammalati e il dottore entrava
nella nostra casa ci sentivamo meglio e rincuorati al solo vederlo e, certo,
oggi sappiamo che la fiducia e la serenità alzano le difese immunitarie.
Oggi non è più,almeno in molti casi,così e ci sentiamo soli e presi ben poco in carico:peccato.

Anonimo ha detto...

Anche io ho sperimentato sulla mia pelle,in occasione di un infelice intervento chirurgico:la disinformazione grave,il danno fisico e il maltrattamento.Sono uscita dall'ospedale a pezzi nel corpo e nell'anima e con la salute gravemente compromessa.
Con molta amarezza ho potuto constatare non solo l'indifferenza ma la presa di distanza da parte dei medici ai quali mi sto tuttora rivolgendo:
e questo accade nel nord Italia.

Anonimo ha detto...

E per fortuna che la malasanità esiste solo al sud...
http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Provincia/165828_thiene_noemi_nacque_senza_vitaquella_bimba_si_poteva_salvare/

L'italia sta andando sempre peggio

Anonimo ha detto...

Caro Luca e care tutte le persone che stanno soffrendo oltre al danno e alla sofferenza fisica,gli insulti dell'incomprensione,del non riconoscimento del danno fisico e morale.
Se potessimo riunirci,conoscerci..forse..sempre che non succeda come per i capponi che Renzo(promessi sposi),portava pieno di speranza e fiducia ad Azzeccagarbugli e che,nella comune disgrazia,invece di essere solidali,si beccavano l'un l'altro..
Certo,mi dispiace sentire amplificare le notizie di malasanità nel sud quando sappiamo tutti che il nord non è certo migliore.
Perché succeda questo è un mistero...
Un abbraccio a chi soffre come me.
Selene

Anonimo ha detto...

Fossi l'unico a soffrire ma tanto non pagheranno mai e chi prova a denunciare le cose viene messo in condizioni di non essere più offensivo, ricoperto di fango e false accuse, che neanche gli lasciano il empo di vivere la sua vita. In tribunale a Torino c'è un ragazzo, Marco, che da anni aspetta di rivedere i suoi cari e a cui è impedito di vivere serenamente per aver provato a uscire da giro di questi medici mafiosi. Loro pensano che sia solo una raccomandazione o un errore ma a cascata le cose che fanno coinvolgono molte più persone di quante pensino e gli tocca mettere il bavaglio a chi sa le cose

Anonimo ha detto...

Sono ancora qui a soffrire per lo "sfortunato"intervento chirurgico che ha cambiato lamia vita danneggiandomi per sempre.
Non ho avuto la forza di denunciare per paura e perché mi hanno fatto capire che,tanto,non può vincere un cittadino comune contro una "casta"ben compatta e periti medici,amici dei medici..insomma,c'è il rischio,come già scriveva Plinio il vecchio,che la vittima finisca con l'essere accusata.
Grazie almeno per questo spazio.
ursenna

Anonimo ha detto...

anche io sono vittima della malasanità ,ed ho avuto il coraggio di denunciare ho perso un marito che non tornerà mai più ...ma sono molto determinata ad andare avanti racconterò la mia storia in rete appena avrò concluso il tutto un consiglio non andate mai a denunciare nella città o paese dove ce stato lo sbaglio ci sono ospedali corrotti e avvocati che si fanno comprare cambiate città e trovate un buon e onesto avvocato auguri....

Giusy Puglisi ha detto...

Anche io ho vissuto una bruttissima esperienza di malasanità. Mia madre in conseguenza di un banale intervento ha rischiato la vita e subito bruttissimi danni permanenti. Io ero poco più che una bambina ma quell'esperienza ha cambiato totalmente la mia vita. Ho deciso di studiare legge e in particolare ho approfondito il settore della responsabilità medica. Ora offro gratuitamente le mie conoscenze in un blog (http://jopuglisi.blogspot.it/) nella speranza di poter informare chi come me è stato ferito e danneggiato dalla altrui superficialità

Posta un commento

Da oggi puoi commentare anche, al seguente link:
http://denunceinrete.forumfree.it

il captcha (il "verifica parola") non serve immetterlo. Dopo il vostro commento, cliccate direttamente su PUBBLICA COMMENTO. Se siete commentatori Anonimi però, mi dispiace, ma dovrete invece... scriverlo: non dipende, cioè, più da Noi, ma dalla Nuova Politica di Blogger.. (e, non ci possiamo fare, proprio NIENTE!!)

NOTA
IL BLOG, CHIUDE DEFINITIVAMENTE. DA OGGI, I COMMENTI, SONO DISABILITATI.
SALVATE, IL BLOG.. O, MEGLIO: SALVATE, "L'IDEA" DEL BLOG, E DIFFONDETELA...
Grazie a Tutti.

- Denunce in Rete -

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.