06 gen 2011

Grave caso d'ingiustizia italiana subito da una Donna (Appello Disperato)

Appello della signora Maria Rita Lo Curto

Questa volta chi ci scrive, e ci segnala la sua storia, è una mamma in preda al dolore.

Racconta il suo caso, in un disperato appello, nella speranza di ricevere aiuto e sostegno alla sua causa.

Se qualcuno potesse aiutarla, si faccia vanti: la segnalazione non è anonima; la signora lascia infatti tutti i suoi dati, compreso il numero di telefono.

- - -

Salve mi chiamo Lo Curto Maria Rita e scrivo questa per denunciare il mio caso.
Ho 40 anni e sono madre di due ragazzi di 14 anni e mezzo e 13 (rispettivamente Fabrizio e Rossella).

Il mio è un caso di totale e assoluta ingiustizia legale italiana nei miei confronti.

Cercherò di essere il più breve possibile.
Inizio con il fatto che a tuttoggi il Tribunale di Torino ha affidato da circa 4 anni i miei figli al padre che vive a Chieri (To), asserendo che sarebbero andati a vivere meglio a livello economico in quanto il padre è più ricco e anche perchè a quell'epoca viveva già con un'altra donna, e che era un modo per dare a me l'opportunità di riposarmi di più (?) e così di avere più tempo per cercare anche io un nuovo compagno -visto che non ero ancora riuscita a trovarne uno!?!- e di trovare un lavoro a tempo determinato.
Ebbene adesso ho un lavoro, una casa più grande (abito a Volpiano - To) e un compagno con cui vivo, MA NONOSTANTE CIO' riesco a vedere i miei figli solo ogni 15 giorni.
E sì perchè il Tribunale di Torino, nella sentenza di affido dei miei figli al padre ha deciso che potevo vederli solo un giorno infrasettimanale e la settima successiva solo il week end.
Per non parlare poi del fatto che E' ESCLUSIVAMENTE IL SIG. MUSCI MASSIMO -PADRE DEI MIEI FIGLI- CHE DECIDE QUANDO POSSO VEDERLI E A CHE ORA!! E CHE quindi NON RISPETTA per niente quanto previsto dalla sentenza del Tribunale di Torino.
A suo tempo il padre mi ha massacrato di botte una sera (era nel 1999) e io non ho avuto purtroppo poi il coraggio di denunciarlo ma la sera in cui mi ha picchiato e ha tentato di strangolarmi, lui è rimasto sveglio tutta la notte per paura che io telefonassi ai carabinieri e ogni qualvolta io provavo ad alzarmi dal letto lui mi tirava per i capelli.
L'indomani non ho voluto denunciarlo perchè ho pensato solo al bene dei miei figli. Ma sono riuscita a mandarlo via di casa e poi ci siamo separati.
Poi dopo lui ha continunato a minacciarmi di uccidermi con sms e con minacce verbali e questa volta invece l'ho denunciato alle Forze dell'Ordine, che lo hanno così richiamato e
ha smesso di minacciarmi di morte.
A quell'epoca i ragazzi che erano piccoli, vivevano con me.
E sono cresciuti sereni, forti, belli e bravi.
In definitiva denuncio il padre sig. Musci Massimo, ma più di tutti il Tribunale di Torino che mi ha tolto i figli senza preoccuparsi minimamente delle conseguenze sulla mia vita, sul mio dover soffrire perchè vedo i miei figli solo ogni 15 giorni e dovermi preoccupare ogni momento della giornata che stiano bene!
E sì perchè il padre li obbliga a non tenere il cellulare sempre acceso! Ma soltanto all'orario da lui stabilito.
Denuncio il fatto di dover subìre continue minacce da parte del mio ex-marito, di dover fare esattamente quello che mi ordina lui di fare, in relazione ai miei figli, ALTRIMENTI NON ME LI FA VEDERE ANCORA DI PIU'.
AIUTATEMI VI PREGO!!
Una madre disperata.
(P.s. : a chiunque volesse darmi un consiglio o un aiuto, lascio il mio numero di cellulare che è 347 4834750 ed il mio indirizzo attuale che è Via Van Dyck 14 - 10088 Volpiano - To).


Aggiornamento 16-01-2011:

Pubblichiamo qui di seguito, la gentile risposta di Fabio del Toro, ricevuta sul sito di Denunceitaliane.it


Oggetto :Re:Mancanza totale di giustizia italiana, verso una Donna (appello disperato)

Questo racconto ha dell'incredibile e somiglia ad una sentenza di un tribunale islamico più che una sentenza di un Tribunale della repubblica italiana.

Secondo il diritto islamico infatti, i figli appartengono al maschio genitore e gli sarà sufficiente pronunciare una semplice frase ( in arabo: IO TI RIPUDIO! ) e la moglie sarà allontanata senza alcun diritto sui figli, di solito torna dai propri genitori che anche loro, perdono ogni diritto sui figli della propria figlia.

Sono tristemente famosi i casi di matrimoni fra donne italiane e mariti magrebini che al divorzio scappano con i figli e li rapiscono senza passare per alcun processo, riparando nel loro paese d'origine che per il principio del diritto islamico appena spiegato, gli consente di tenersi i figli che le madri italiane poi non rivedono più.

Ma a prescindere dalle sentenze dei paesi islamici, quella di cui si racconta sembra davvero essere incredibile, perché di solito in Italia avviene il contrario e la figura materna è invece privilegiata proprio perché ritenuta normalmente più adatta alla cura della prole e quindi, nella stragrande maggioranza dei casi la madre si occuperà dei figli e riceverà un assegno dal marito, per se stessa e per i figli.

Per fare un esempio di un caso che conosco direttamente, LUI ha un buon lavoro mentre LEI si arrangia con lavoretti saltuari, ma non di meno, LEI riceve l'affidamento dei due figli ( anche se economicamente è il soggetto debole della coppia in lite ) e il Tribunale le concede di rimanere nella casa che possiede assieme al marito, mentre LUI se ne deve andare a vivere in affitto fuori, continuando però a corrispondere con il mantenimento commisurato al suo stipendio, e continua a pagare il mutuo della casa dove vive sua moglie e i due figli e magari la moglie ora ci invita anche il nuovo compagno.

Questo esempio, indica con sufficiente chiarezza che di solito i tribunali affidano alla madre, casa e figli e mandano fuori il marito a lavorare per corrispondere un adeguato assegno di mantenimento.

Se in questo caso non è avvenuto, sospetto che nel racconto sia stato omesso qualche importante particolare secondario per comprendere questa inusuale decisione di cui tutti ci stiamo scandalizzando.

Ci sono secondo me, due ipotesi da considerare:

1) una sorprendente decisione che andrebbe troppo contro le abitudini consolidate del diritto in casi di divorzio, e dunque bisognerebbe capire meglio quale errore e di quale tipo di favoreggiamento ha goduto il marito della signora.
2) Ritengo molto probabile che alcuni particolari importanti ci siano stati taciuti. Secondo me, l'avvocato del marito avrà fatto sbilanciare la decisione del tribunale a favore del marito, dimostrando in qualche modo che la signora aveva problemi di inaffidabilità come ad esempio qualche forma di dipendenza da alcool o droghe, oppure instabilità mentali o fedina penale sporca. ( la frase “ che si doveva riposare “ farebbe pensare ad un richiamo ad una possibile valutazione del tribunale ad un esaurimento nervoso, ma anche questa è ovviamente solo un'ipotesi)


Mi sembra davvero INCREDIBILE che due genitori che si presentano "alla pari" ricevano una discriminazione di trattamento così evidente senza che ci sia stato uno "scivolamento" di posizione della madre, causato da qualche "sgambetto" processuale dell'avvocato del marito, a cui la corte ha in qualche modo creduto.

Come seconda ipotesi, posso solo ipotizzare che al momento del divorzio la madre non abbia sufficientemente reclamato quell'affidamento che adesso reclama e per il quale si lamenta per la evidente sperequazione.

La questione delle botte ricevute, purtroppo, come ogni accusa deve essere PROVATA, dire a distanza di oltre dieci anni che era vittima di maltrattamenti che non ha certificato a suo tempo con esami medici doverosi, non risolve la questione ma anzi la espone a possibili querele del marito, che se dovesse vincerle (come è facile che sia vista la assenza di prove) allontanerebbe ancora di più i bambini dalle braccia della madre.

Personalmente, concordo con lo spirito "battagliero" della signora che lotta per frequentare maggiormente i propri figli ma se questa battaglia la conduce nel modo sbagliato, potrebbe anche ottenere l'effetto contrario, per esempio: il marito la querela per diffamazione, il Tribunale gli da ragione ( lei non riesce a dimostrare che veniva picchiata ) e lui potrebbe ottenere un affidamento addirittura esclusivo, consolidando la posizione prevaricatoria che ha adesso.

Se i giudici avessero invece agito con DOLO O COLPA GRAVE (cosa di cui mi viene da dubitare), allora potrà leggere il mio "vade-mècum su come si denuncia un magistrato" (che pubblicherò a breve) e cercare di farne buon uso, ma sempre con la dovuta prudenza del caso!

Fabio del Toro.

- -
Aggiornamenti:

Salve sono sempre io, Maria Rita Lo Curto.
La madre disperata di Torino a cui il Tribunale ha tolto i figli.
Ebbene ho dovuto anche subire le ripercussioni di quest'ingiustizia sui miei figli.
Ovvero: Fabrizio che adesso ha 15 anni, mi ha detto che devo smetterla di denunciare i fatti violenti sia del padre sia della sua compagna, perchè NON NE PUò +++++!!!
E che quando avrà 18 anni , non andrà all'università come i suoi coetanei, ma si cercherà un lavoro per andare via di casa e non vederci + .
Urlando e piangendo me l'ha detto ovviamente!!!
Dio no! Ti prego non farmi questo!
E Rossella, la mia dolce Rossi / Lella / cucciola mia, mi ha detto: mamma... io voglio soltanto essere una ragazza normale.
Dio il cuore che male che fa solo a ricordare queste loro parole!
Ma cosa posso fare io ??? Se non ... andare avanti.... anche se si ha paura di sbagliare ..... ma io non ho sbagliato ...
è il padre che non capisce!!!!
Comunque se qualcuno mi vuole dare un aiuto o un consiglio, sarò molto felice di leggerlo.
Maria Rita di 41 anni con tanta tristezza e rassegnazione e speranza in un mondo migliore!!??


- -
Aggiornamenti:

Salve,
mi chiamo Lo Curto Maria, abito a Volpiano (Torino) in via Van Dyck 14 e ho ricevuto un'ennesima cartella di pagamento dell' Equitalia di BEN 266,93 EURO!!!!
Ebbene l'Equitalia mi perseguita addirittura dal 2008, ma NO! io mi rifiuto di pagare tale cartella, ma non perchè non la voglio pagare, bensì perchè non sarebbe giusto!!!
Io ho pienamente ragione visto che la multa di cui stiamo parlando mi venne fatta nel 2008 da un funzionario della GTT che assolutamente non aveva alcun diritto di farmi!, come già stato reso noto anche a livello legale:
c'era infatti già a quell'epoca una legge che prevedeva che gli ausiliari del traffico (in questo caso i GTT di Torino) non erano e tuttora NON SON AUTORIZZATI a emettere sanzioni di tale genere e ci sono diversi articoli sui giornali che parlano di questa forma di irregolarità, es. "Multe degli ausiliari - Il popolo della libertà di Lugo" ecc....
Inoltre per tutelarmi io ho inviato all'Equitalia, già diversi ricorsi tramite raccomandata con tanto di costi sostenuti che non mi verranno mai rimborsati, ovviamente!!!
E adesso pretendono che io paghi loro questa cartella di pagamento di BEN 266,93 EURO????!!!!!
E' PAZZESCO!!! E' INAUDITO!!
Chiedo quindi un vostro aiuto per denunciare tale ingiustizia che sicuramente è stata fatta anche ad altri onesti cittadini che magari spaventati dalle possibili conseguenze, le hanno invece pagate!!!!
Lo Curto Maria
Via Van Dyck 14 - Volpiano
Cellulare 347 4834750

-
Aggiornamenti:

Denuncio LA MORTE DI UN POVERO CUCCIOLO!

A QUEL BASTARDO CHE IERI POMERIGGIO HA INVESTITO E UCCISO !!!!
CON LA SUA ESPACE VERDE E LUI E’ SCESO RIDENDO perché DICEVA DI NON AVERLO VISTO PASSARE MA è SBUCATO aLL’IMPROVVISO (PALLE….IO HO VISTO TUTTO…. TU GRANDISSIMO PEZZO DI MERDA DAL FACCIONE E CON LA TESTA PELATA!) PER NON PARLARE POI DELL’ALTRO CON IL JEEPPONE BLU CHE HA DETTO “MA MICA POSSIAMO BLOCCARE LA STRADA SOLO PER UN CANE ORMAI MORTO!” E MENTRE CONTINUAVA A MORIRE E IL SANGUE SCORREVA, QUI A BORGARO SU QUESTA STRADA, VOI PENSAVATE SOLO A BUTTARLO VIA, IN MEZZO ALL’ERBA, COME SI BUTTANO LE MERDE E I SACCHI DELL’IMMONDIZIA.

ERA UNO STUPENDO LUPETTO BIANCO INDIFESO E SPERDUTO, MA SICURAMENTE NON CERCAVA LA MORTE.

AVRETE SICURAMENTE DI CHE RIPAGARE E SARà DIFFICILE SOPRATTUTO PER TE COSì INSENSIBILE DA NON ASPETTARE O CHIAMARE NESSUNO !!! MA ANZI RIDERCI SOPRA!! PAGHERARI SICURAMENTE QUESTA TUA BRUTTA AZIONE.

Lo Curto Maria Rita - via Van dyck 14 - Volpiano (To) cell. 347 4834750

-
Aggiornamento: 22-02-2013


Salve sono di nuovo la madre disperata a cui sono stati tolti ingiustamente i figli perché SECONDO IL TRIBUNALE DI TORINO NON AVEVO ABBASTANZA SOLDI E UNA DECENTE CASA,

ebbene eccomi di nuovo qui a denunciare il mio caso di mobbing sul lavoro perché BISOGNA LAVORARE SENNò COSA DAI DA MANGIARE e come fai crescere i tuoi figli con il misero stipendio di mio marito

Leggete sotto:
la moglie del mio attuale capo (lavoro per sostituzione maternità) ACCORGENDOSI CHE RIDEVO TROPPO!
A mio giudizio NOOO!

Mi ha rifilato un lavoro dove c’era da scervellarsi e poi con godimento (e vi giuro che è così) mi ha riso in faccia con cattiveria che SAPEVA Già QUAL ERA L’ERRORE DI CUI IO AVREI IMPIEGATO + DI UN’ORA X TROVARE.
Insomma quest’ultimo periodo mi sta facendo mobbing perché   c’è sta maledetta crisi che DA’ POTERE A CHI HA I SOLDI !!!

E non lo dico per invidia ma perché è ingiusto !!!!
e quante altre cose non vi racconto in quanto DEVI IMPARARE A NON PRENDERTELA .
Ad es. ero stata malissimo a gennaio DUE VIRUS PAZZESCCHI!!
Eppure ... niente da fare ..... sempre la moglie del capo (e lui pure) + alcuni colleghi ...INCAZZATI MALEDUCATAMENTE!!!!

LO CURTO MARIA RITA
VOLPIANO


- - -
Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -

Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:

http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/mancanza-totale-di-giustizia-italiana/fuim2rk2bfhv/5

- - -

Quest' articolo, è presente anche su: http://www.denunceitaliane.it/

- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.comSCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)

.


6 commenti:

Anonimo ha detto...

State attenti alla Truffa e alla frode dell'Agenzia Immobiliare di Parcocase, Brescia, che mi ha derubato ben 500 euro , oltre che insultato!!!

dopo aver visto un appartamento, sono tornata in agenzia, alla firma della "Proposta di Locazione Immobiliare", non avendo il libretto di assegni con me, ho lasciato, in contanti, a titolo di deposito €500,00 al titolare dell'agenzia immobiliare parcocase di Palazzolo sull’Oglio (BS).

a seguito il proprietario ha deciso di vendere l’immobile e di consegnenza di non affittarlo piu’.

Questa e’ la email dell’agenzia:
"Con la presente siamo a comunicarvi che il Sig.xxxx proprietario dell’appartamento che vi interessava, ha venduto l’immobile, quindi non affitta più l’appartamento, siete quindi pregati di venire a ritirare i soldi che avevate versato al momento della proposta di locazione in quanto non è più possibile fare il contratto di locazione".

ma ugualmente il titolare dell’agenzia parcocase non intende a rsstituirmi il deposito, anche se il proprietario NON ha accettato la mia proposta di affitto!!!!

Quando mi sono recata in agenzia Via Cortevazzo, 23 Palazzolo Sull'Oglio (BS), per avere indietro la somma depositata, il soggetto, proprietario di parcocase mi ha cacciato via dal negozio insultandomi,

Notare bene, io ci devo rimettere €500,00 semplicemente perche' il proprietario NON ha accettato la mia proposta di locazione e ha deciso di vendere l'appartamernto!!!!
che mondo di ladri!!!!!!!!!!!

Denunce in Rete ha detto...

Ciao Anonimo :-)

Abbiamo già pubblicato questa Denuncia, comunque grazie per ricordarlo.

Qua il link:

http://denunceinrete.blogspot.com/2011/02/truffa-dellagenzia-parcocase-paolo.html

Ciao ;-) .

Isel Fito ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Denunce in Rete ha detto...

Isel, hai già provato a scrivere agli avvocati che offrono consulenza gratuita, che trovi sui link laterali del nostro blog?

Anonimo ha detto...

Strano che una bambina di 11 anni venga affidata al padre c'e' qualche cosa che non quadra.
Comunque puoi tranquillamente fare ricorso che lo vinci sicuramente.
In bocca al lupo.

Anonimo ha detto...

Non conosco i tribunali islamici, ma quelli indiani sono certamente meglio di quelli italiani.

Posta un commento

Da oggi puoi commentare anche, al seguente link:
http://denunceinrete.forumfree.it

il captcha (il "verifica parola") non serve immetterlo. Dopo il vostro commento, cliccate direttamente su PUBBLICA COMMENTO. Se siete commentatori Anonimi però, mi dispiace, ma dovrete invece... scriverlo: non dipende, cioè, più da Noi, ma dalla Nuova Politica di Blogger.. (e, non ci possiamo fare, proprio NIENTE!!)

NOTA
IL BLOG, CHIUDE DEFINITIVAMENTE. DA OGGI, I COMMENTI, SONO DISABILITATI.
SALVATE, IL BLOG.. O, MEGLIO: SALVATE, "L'IDEA" DEL BLOG, E DIFFONDETELA...
Grazie a Tutti.

- Denunce in Rete -

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.